Uomo sbranato dai cani Baggio Milano, trovati vivi due cani, morto un terzo

E’ successo venerdì sera in zona Baggio.

Secondo quanto ricostruito, un uomo di 74 anni residente a Como stava camminando in via Martirano attendendo che una copia di amici rincasasse.

Improvvisamente, però, l’anziano è stato aggredito da un branco di cani randagi della zona, dove si estendono alcuni campi.

Mentre l’uomo veniva attaccato, infatti, un contadino impegnato nella coltivazione della terra lo ha soccorso, aiutandolo a scacciare gli animali fuori controllo.

Chiamato il 118, il 74enne è stato trasportato d’urgenza all’ospedale al San  Raffaele, in elicottero; tuttavia, purtroppo, il pensionato non ce l’ha fatta ed è tragicamente deceduto.

Rispetto alle cause della morte, secondo i medici non si tratterebbe interamente da ricondurre ai morsi degli animali, ma anche alle condizioni di salute dell’uomo, che avrebbe patito del grande spavento provato.

Si è pronunciato in merito alla tragica vicenda il Comune di Milano, che ha specificato in una nota: “la cattura degli animali randagi spetta alla Asl”.

Nondimeno, gli agenti della Polizia locale, della Questura e il personale dell’Asl hanno iniziato subito le ricerche degli animali responsabili dell’aggressione.

Secondo quanto emerso, sabato mattina sono stati catturati due cani randagi tra i campi di via Martirano, nella zona coltivata in cui si intersecano alcuni insediamenti di nomadi.

Tra i campi è stata trovata anche la carcassa di un terzo cane, sbranato da altri randagi.

Secondo i dati della Asl, nel 2012 le catture sono state 23, 52 i rinvenimenti. Nel 2011, in totale le catture sono state 145.

Il Comune di Milano è invece impegnato nella gestione del Canile – ha specificato nella medesima nota il Comune, – una struttura pubblica di accoglienza, cura e rieducazione per animali, all’avanguardia in Italia e dove attualmente sono 142 i cani presenti”.

La popolazione canina nell’area di Milano è stimata intorno alle 100-120mila unità.

Solo la metà di questi animali è iscritta all’anagrafe canina – ha puntualizzato inoltre il Comune. – Anche questa competenza è della Asl“.

Siamo ancora sgomenti per quanto capitato – ha infine commentato l’assessore con delega alle politiche animali, Chiara Bisconti – ed è urgente verificare responsabilità e circostanze”.

Leggi anche:

Esenzioni Area C Milano malati cronici, la bufala del Comune, l’intervista di Cronacamilano

Via chioschi e ambulanti da piazza Duomo Milano, l’assessore D’Alfonso: Pulizia estetica

Protesta precari del Comune di Milano, la giunta Pisapia ha bloccato le assunzioni, chiedono giustizia

SCARICA IL DOSSIER – Per scaricare tutto il dossier sulla situazione dei precari e delle promesse elettorali fatte e non rispettate dal Sindaco Giuliano Pisapia, CLICCA QUI

 

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. Sembra che in passato la gente aveva già denunciato la presenza di questi cani pericolosi (ho visto un’intervista in tv).
    Nessuno ha fatto niente.
    E la responsabilità è di chi avrebbe dovuto tutelare la sicurezza dei cittadini.
    I familiari dovrebbero chiedere un risarcimento milionario al responsabile. Solo cosi si eviteranno in futuro tragedie simili.
    ANCORA NESSUNO CAPISCE CHE I CANI RANDAGI SONO PERICOLOSI ?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here