La Brebemi distrugge la Riserva Naturale Invernizzi, la protesta per salvaguardare secoli di storia, natura ed emozioni

La segnalazione giunge da Gregorio Procopio (SEL), per mettere in luce quanto sta accadendo alla storica riserva naturale Invernizzi, cancellata a causa della costruzione della Brebemi:

 

La riserva naturale Invernizzi e, in particolare, il suo vialone alberato, per molte generazioni ha rappresentato uno dei paesaggi storici, ambientali ed emozionali fra i più rinomati e ammirati dell’hinterland est di Milano.

 

 

Quanti carretti nei secoli, si son recati a passeggiare in quel lungo viale alberato.

Quanti bambini portati in gita a dondolarsi fra le possenti catene che adornano le entrate, o ad ammirar quei leoni, che possenti, sembrano sian lì a salvaguardar il parco e il viale, da vandali e deturpatori.

Chissà quanti nonni, padri e figli, nell’album del loro matrimonio, hanno le foto scattate sotto quelle fronde, con alle spalle quell’immenso filare di tigli

 

Anche il mattino o la sera, a volte in coda, dopo una dura giornata di lavoro, fra quegli alberi l’attesa diventava meno opprimente, sopportabile quasi svaniva.

Svaniva la rabbia, la stanchezza e la mente e lo sguardo andavano lontano, quasi sognante, con la sensazione di ritrovarsi in un paesaggio antico e bellissimo, liberi nonostante la coda.

 

Ora, quello che per secoli c’era non ci sarà più, sacrificato impunemente allo sviluppo di una mobilità sbagliata, cieca e ottusa, che passa sopra la nostra storia e le nostre emozioni, senza neanche il tentativo di preservarle, distruggendole e appiattendole per sempre.

 

Ci passa sopra con il consenso silente dei partiti, delle istituzioni preposte a salvaguardare i beni culturali, paesaggistici e ambientali.

 

Ci passa sopra con il colpevole silenzio degli organi d’informazione, che in tutti questi anni, avrebbero potuto prestare più attenzione alle nostre richieste di salvaguardare quel viale.

 

Quel silenzio omaggiato allo sviluppo di una mobilità, frutto e al servizio d’interessi economici, che non dovrebbero e non potrebbero mai passare sopra la nostra storia e le nostre emozioni.

 

Uno sviluppo che quella storia, quel paesaggio e quelle emozioni, sarebbe dovuto essere obbligato a trovare le soluzioni per salvaguardarle”

 

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Protesta agricoltori Milano Cascina Zerbone, Comune vuole la costruzione di 830 appartamenti sui terreni degli ultimi produttori di latte di Milano

Vigili del Fuoco Milano piazza Castello, intervento per salvare un albero e mettere in sicurezza la strada sottostante, foto

 

Di Redazione

 

 

4 COMMENTI

  1. é uno schifo…ma se non ricordo male l’invernizzi donò il parco purchè venisse mantenuto integro ….quella villa ed il parco allora vanno espropriati a quelle persone oppure enti che in cambio di una bustarella permettono questo schifo!!! mi stupisco che le persone dei comuni confinanti non scendono in strada a bloccare tutto questo….dove siete ambientalisti venduti….dove siete finiti…perchè le tv non ne parlano….povera italia siamo rovinati

  2. E’ vero, e’ stato ed e’ tristissimo passare e, di giorno in giorno, vedere i pioppi cipressini abbattuti, le gettate di cemento, le ruspe che muovono terra e il paesaggio che diventa sempre più brutto, piatto, tutto uguale. L’ombra, soprattutto d’estate e sulle provincialii – statali – grosse atrerie della viabilità, è una merce rarissima e sarebbe da proteggere e da difendere. E quel panorama bellissimo, fatto di stralci della Villa e dei filari alberati della Tenuta Trenzanesio, che si vede passando sulla Rivoltana era (come volle il fu Invernizzi) un qualcosa di bello godibile da tutti. Gratis. Forse quando Formigoni blatera di tutte le grandi opere di viabilità che sta attuando in Lombardia non si rende conto del danno creato da alcune di queste e dall’inutilità tecnica di altre.

  3. E sul sito di brebemi si vantano pure di essere rispettosi dell ambiente!!!

    A rozzano dove abito, c era una quercia secolare protetta, immersa in un prato. Un impresa di costruzioni, l ha abbattuta nonostante i cittadini si siano messi davanti..I carabinieri hanno fatto disperdere i cittadini seduti davanti a tale quercia e la beffa è stata che nelle settimane successive, il caro sindaco ha mandato una lettera ai cittadini, dicendo che l albero è stato abbattutto per un errore di manovra di una ruspa!!! E ci han fatto un supercondominio! Chissa quanti appartamenti avrà ottenuto in cambio….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here