Accesso animali uffici comunali Milano, norme e cambiamenti sulla presenza nei luoghi pubblici e privati dei nostri amici con la coda

E’ della fine di agosto, la bella notizia dell’adozione, da parte del Comune di Milano, di una nuova regolamentazione più permissiva nei confronti dei proprietari di cani, gatti e tutti gli altri comuni animali d’affezione.

 

Ovviamente, si dovrà continuare a rispettare alcune semplici regole di buona educazione e buon senso: i cani dovranno essere tenuti al guinzaglio e dotati di museruola, ad eccezione di quelli di piccola taglia che potranno essere tenuti in braccio o in una borsa, facendo attenzione a non ingombrare passaggi comuni o arrecare disturbo ai propri vicini.

 

Per tutte le altre razze animali è obbligatorio invece l’uso di un trasportino, a patto che si trovi in buone condizioni di pulizia e privo di angoli pericolosi.

 

Tuttavia, il divieto d’accesso rimane inalterato per tutti quei luoghi comunali definiti “sensibili”, come asili, scuole e case di riposo.

 

A livello italiano, è stato il Comune di Torino, nel novembre 2010, a fare da apripista nel concedere libero accesso ai  cani negli uffici pubblici e nei locali privati. Per tutti i refrattari alla normativa comunale, vi è l’obbligo di fare esplicita richiesta all’Ufficio tutela animali del Comune, motivando la volontà di mantenere il divieto con plausibili motivazioni di carattere igienico-sanitario.

 

Ora, la caduta del tabù continua a propagarsi con grande soddisfazione per animali e padroni.

 

In fatto di regolamentazione animale, in realtà, in Italia non esiste una vera e propria legge che, a livello nazionale, vieti espressamente l’ingresso dei nostri amici a quattro zampe nei luoghi pubblici.

 

Le leggi di riferimento che ne regolano l’accesso sono quelle comunali (“Regolamento per la tutela degli animali“; se questo è inesistente si passa al “Regolamento di Igiene urbana Veterinaria” o al “Regolamento di Polizia Urbana“).

 

Qualora le leggi comunali non esistessero, vi sono leggi regionali a loro volta facenti capo alla “Legge Quadro  su animali di affezione e prevenzione del randagismo” (281/1991) e al “Regolamento Nazionale di Polizia Veterinaria“.

 

(FONTE: http://www.federfida.org/domanderisposte/schede-utili/77-accesso-per-gli-animali-nei-locali-pubblici-regolamentazioni-info-e-suggerimenti.html)

 

Per quanto riguarda le attività private, salvo eccezioni, generalmente tutto viene lasciato alla discrezionalità dei singoli proprietari delle attività commerciali.

 

L’unico divieto realmente esistente e attualmente in vigore è quello sancito dal Reg. Ce 852/2004 che vieta espressamente l’ingresso agli animali domestici in tutti quei luoghi in cui vengono preparati o conservati alimenti.

 

A questo punto, non rimane che sperare che si continui a seguire il buon esempio. In questo modo, potrebbe lasciarsi alle spalle la rigidità del passato, riconoscendo agli animali quel ruolo sempre più attivo e complementare che hanno nella vita delle persone.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

 

Leggi anche:

Adozioni cani canile Milano, scegliamo un animale anziano, cioè di oltre 5 anni, elenco canili di fiducia

Raccolta cibo per gatti Milano, colonie feline di Pregnana Milanese, orari, info, recapiti

Caldo animali Milano, mettete una ciotola d’acqua davanti casa, fuori dal negozio o in giardino

Cani abbandonati, linee guida per soccorrerli e trattenerli mentre si attendono gli operatori specializzati

Terapie Alzheimer: danza, arte e pet therapy migliorano la vita dei malati

Viaggiare con cani e gatti: info, consigli, procedure sanitarie, spiagge e hotel abilitati, recapiti per segnalare bestiole abbandonate e altro

Salvatore Patella

2 COMMENTI

  1. beh era anche ora almeno i cani non verranno piú lasciati fuori dagli uffici legati ad aspettere
    il proprio padrone. all’estero è già così da un pezzo noi arriviamo sempre
    con l’ultimo treno.

  2. Tutto molto bello, ma questa mattina sono stato invitato in malo modo ad uscire dall’Ufficio Postale di via Castelmorrone, dove ero entrato con il mio cane per chiedere un informazione, e minacciato di richiedere l’intervento della Polizia Locale per sanzionarmi. Aggiungo che l’ufficio postale era deserto e avevo detto al funzionario dello sportello che avevo un cane. Il direttore è intervenuto affermando che all’esterno è affisso un cartello di divieto di accesso al che ho chiesto se una legge di stato deve essere applicata da tutti gli enti o si va a discrezionalità degli addetti. In tutti gli altri uffici postali del centro di Milano i cani possono entrare senza problemi.
    Per concludere le leggi esistono ma, in Italia, sono comunque applicate o disattese secondo gli interessi o gli umori di coloro che dovrebbero farle rispettare.

    Distini saluti

    Ing. G. Villa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here