Riqualificazione Bisceglie, un parco di 300 mila metri e strutture per tutti i cittadini

“Un progetto di riqualificazione nel cuore del sistema dei parchi a ovest della città, in quello che poi sarà il grande parco delle vie d’acqua dell’Expo”. L’annuncio è stato dato dall’assessore allo Sviluppo del Territorio Carlo Masseroli in visita ai cantieri del quartiere Bisceglie, assieme al presidente di Assimpredil Claudio De Albertis.

 

Nel dettaglio, sarà realizzato un parco di 300mila metri quadri che si inserirà, dando continuità, nel sistema del verde nella zona ovest di Milano, collegandosi verso sud al Parco delle Risaie e verso nord al Parco delle Cave.

 

I progetti connessi con il parco prevedono invece interventi su una superficie totale di circa 750mila metri quadri con la realizzazione di:

  • 2.600 nuovi alloggi, l’80% dei quali in edilizia convenzionata;
  • centri aggregativi per anziani e giovani;
  • un centro per l’infanzia con un nido da 60 posti e un asilo da 90;
  • un centro polisportivo;
  • un centro polifunzionale gestito dalla Comunità Nuova di don Gino Rigodi;
  • una residenza sanitaria per disabili in gestione alla Fondazione Don Gnocchi.

 

L’area interessata dagli interventi rappresenta:

  • il 29% circa della superficie complessiva del quartiere oggi abitato da circa 13.237 residenti,
  • con una densità abitativa di 5.023 abitanti per chilometro quadrato.

 

In percentuale:

  • le abitazioni costituiscono l’81.9%
  • gli uffici il 2.2%
  • altro il 15.9%

 

Da qui ai prossimi 3 anni, a poche centinaia di metri dalla fermata Bisceglie della M1, sull’area saranno aperti i cantieri:

  • ‘Parri- Parco dei Fontanili’
  • ‘Calchi Taeggi’.

 

Ai 300mila metri quadri del nuovo parco si aggiungeranno altri 70mila metri quadrati di verde tramite la cessione al Comune, da parte degli operatori, della Cascina Linterno, all’interno del Parco delle Cave, sui quali l’amministrazione investirà, attraverso gli oneri di urbanizzazione, circa 6 milioni di euro per la riqualificazione. Tra le opere infrastrutturali previste, anche un ponte di scavalco e  collegamento lungo 200 metri sulla via Parri.

 

IL COMMENTO DELL’ASSESSORE MASSEROLI – “Grazie a questo intervento – ha spiegato l’assessore Masseroli – abbiamo la possibilità di trasformare una grande area degradata in un parco e dotare la città di 300mila metri quadrati di nuovo verde, ma soprattutto coinvolgeremo le associazioni del volontariato milanese sin dalla fase di progettazione. Per il momento abbiamo individuato due realtà: la comunità di don Rigoldi e la fondazione don Gnocchi che parteciperanno alla progettazione di ciò che si va a realizzare. Questo è il modello della ‘big society’ che il premier Cameron sta sperimentando in Inghilterra, reso possibile in questo caso da un percorso amministrativo molto complesso, ma che anticipa quello che vorremmo fare con tutti i servizi della città attraverso il cosiddetto sistema dell’accreditamento previsto dal nuovo Piano di Governo del territorio”.

 

IL COMMENTO DI CLUADIO DE ALBERTIS – “Per quanto riguarda la parte residenziale – ha aggiunto  Claudio De Albertis per conto delle Residenze Parchi Bisceglie, l’operatore responsabile del progetto Parri e coinvolto con la società Acqua Marcia e le cooperative Nives e Solidarnosc sull’area di Calchi Taeggi – l’80 per cento degli alloggi saranno in edilizia convenzionata, con prezzi intorno ai 2.600 euro al metro quadro, mentre gli appartamenti del restante 20 per cento, in edilizia libera, costeranno in media 3.200 euro al mentro quadro. Tutti gli edifici saranno in classe energetica A, con sistemi di riscaldamento e raffrescamento che utilizzano fonti energetiche rinnovabili. Entro 3 anni dall’inizio dei lavori, già avviati nella maggior parte dei lotti previsti dal progetto, è prevista la chiusura dei cantieri”.

 

Leggi anche:

Riqualificazione Palalido, presentato progetto che trasformerà la struttura nella sede ufficiale della squadra di basket Olimpia Milano Armani Jeans

Riqualificazione quartiere Sant’Ambrogio periferia Sud Milano, approvato protocollo Comune-Aler

Citylife, selezionati 8 finalisti per il concorso di progettazione del Parco CityLife, esteso su un’area di circa 170.000 mq

Calendario Pgt pubblico e trasparente, tutti i cittadini potranno visionarne l’iter e seguirne le date. Eccole

Pgt approvato ecco come diventerà Milano, tra infrastrutture e una superficie di verde pari a 120 volte l’area del Parco Sempione. Ecco le mappe dei progetti

 

Di Redazione

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here