Gatto abbandonato vivo dentro sacco dell’immondizia piazzale Selinunte, si cercano notizie

GattiIl disumano atto è stato compiuto durante la sera dello scorso venerdì, 16 ottobre 2010, in un’area adibita a parcheggio di piazzale Selinunte.

 

Qui un uomo ha chiuso un gatto completamente indifeso dentro un sacco della spazzatura di plastica gialla, scegliendo tale spietata e inumana modalità per abbandonare l’animale.

 

Da quanto ricostruito fino ad ora, sembra che l’uomo sia stato visto aggirarsi tra le auto da una ragazzina che, subito dopo, ha notato strani movimenti del sacco e, avvicinandosi, ha quindi udito dei miagolii fino a concretizzare l’ineffabile: dentro il sacco era stato imprigionato un micio vivo.

 

La povera bestiola è stata portata in casa ma, come ovvio, una volta liberata dalla sua trappola mortale era talmente terrorizzata che non si è lasciata avvicinare da nessuno.

 

Tanto più che, probabilmente nel disperato tentativo di difendersi, nonché dibattendosi freneticamente per cercare di liberarsi dal sacco della spazzature e tornare a respirare all’aria aperta, il piccolo micio si è spezzato tutte le unghie delle zampe posteriori.

 

Soltanto grazie all’intervento dei volontari dell’Enpa è stato possibile calmare il gatto, inducendolo con la massima calma ad entrare nel trasportino e quindi portarlo presso la sede di via Gassendi, in modo da prestargli tutte le cure (e le coccole) necessarie.

 

La vigliaccheria delle persone che hanno un comportamento simile si commenta da sola”, dice Ermanno Giudici, Capo Nucleo delle Guardie Zoofile dell’Enpa di Milano. “Purtroppo, però, è davvero molto difficile riuscire a risalire ai responsabili di questi comportamenti, se non c’è collaborazione da parte dei cittadini“.

 

Enpa ricorda che l’abbandono degli animali è un reato perseguibile con il carcere e per questo, appellandosi non solo al comune senso civico ma anche alla solidarietà verso un piccolo animale indifeso condannato a morte da una tortura tanto crudele, l’invito è chiaro:

 

chiunque avesse informazioni utili sulla vicenda si faccia avanti al più presto, permettendo di identificare chi ha compiuto l’atto e impedendogli, in tale modo, di farlo ancora ad altri animali.

 

Cronacamilano si associa all’appello, ed esorta i lettori a fornire qualsiasi informazione che possa risultare utile nell’identificazione di chi ha compiuto un gesto tanto crudele e disumano.

 

Per informazioni: info@cronacamilano.it oppure 02-97.06.42.30

 

Leggi anche:

Gatti uccisi a bastonate a Bareggio, taglia di 5000 euro su chi ha compiuto un tale abominio

Gatti abbandonati d’estate, quest’anno sono stati quasi 150mila i cuccioli, le nidiate e gli esemplari adulti che gli uomini hanno destinato a morte

Maltrattamenti animali, in Italia un caso ogni 10 minuti

Associazione Internazionale Difesa Animali e Ambiente: varato anche a Milano il Consulente Legale per le problematiche degli animali in condominio

Professore uccide conigli a martellate durante lezione di anatomia, il prof Carlo Rando prima ha tentato di strangolarli poi ha afferrato un martello

Milano, anche gli animali hanno il loro Tribunale

Cane cade dal traghetto, il personale lo lascia annegare mentre annaspa tra i flutti del mare

Hai un ufficio? Adotta un “micio d’ufficio”!

Piccioni avvelenati piazza del Duomo, 80 carcasse trovate poche ora fa, è stato avvelenato il mais

 

Di Redazione

2 COMMENTI

  1. Per favore se qualcuno sa qualcosa lo dica, impediamo a un tale deliquente di compiere ancora atti così schifosi e abominevoli. Per favore chi sa, parli. Giuliana

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here