Animali salvati Enpa Milano, recuperati micio caduto in un cantiere del Bacula e un gheppio a Pozzuolo Martesana

Intervento ENPADue nuovi, importanti interventi dell’Enpaa di Milano, intervenuto per salvare un gheppio intrappolato da giorni in un capannone di Pozzuolo Martesana, catturato e liberato dopo 5 ore di tentativi, e un gattino caduto dalle impalcature del Cavalcavia Bacula di milano, salvato dopo due giorni di tentativi.

 

L’INTERVENTO PER SALVARE IL PICCOLO GHEPPIO

– Il più recente degli interventi si è svolto a Pozzuolo Martesana (MI) e ha visto gli operatori dell’Enpa di Milano impegnati per 5 ore al fine di catturare un gheppio (un piccolo rapace della specie dei falchi), entrato e rimasto intrappolato all’interno di un magazzino della DHL

– “Il rapace è probabilmente entrato da una delle oltre 70 ribalte presenti nel capannone giovedì o venerdì scorso, quando è stato avvistato per la prima volta – spiegano da Enpa Milano, – e non è stato più in grado di trovare la via d’uscita, a causa della costante attività di lavoro che lo costringeva a stare ad un’altezza di quasi 15 metri, dove erano presenti soltanto grandi lucernari chiusi”.

– I dipendenti dell’azienda, all’arrivo degli operatori dell’Enpa di Milano, si sono mostrati subito molto collaborativi, mettendosi a disposizione per cercare di catturare e liberare il piccolo rapace, tanto da saltare la pausa pranzo pur di contribuire nell’opera di salvataggio.

– Soltanto dopo infiniti tentativi di cattura, che inevitabilmente hanno stancato il gheppio, il rapace si è fermato per riposarsi, nel tentativo di recuperare le forze, dando così tempo ai soccorritori di Enpa di salire su un carrello con braccio elevatore e di catturarlo con un lungo retino.

– “All’atto del recupero, le condizioni dell’animale sono parse buone. – spiegano gli operatori Enpa, – Per non arrecare ulteriore stress al piccolo pennuto, quindi, l’abbiamo immediatamente posto in libertà nelle campagne circostanti, approfittando anche del fatto che il martedì la caccia è chiusa e, pertanto, non vi era immediato pericolo per il rapace che, seppur protetto, è spesso vittima di episodi irresponsabili di bracconaggio.

 

IL SALVATAGGIO DEL MICINO CADUTO IN UN CANTIERE AL CAVALCAVIA BACULA

– Sabato 3 novembre, nel tardo pomeriggio, è stato invece tratto in salvo un gattino.

– La piccola pallina di pelo si trovava nel cantiere allestito sotto il cavalcavia Bacula e, le peripezie per la sua cattura, hanno avuto inizio nella mattinata di venerdì 2 novembre, quando un cittadino si è accorto della presenza del micino sul cavalcavia.

– L’uomo, preoccupato per l’incolumità del cucciolo, ha cercato di salvare da solo l’animale, arrampicandosi su alcune impalcature presenti sul luogo; purtroppo il felino, impaurito dalla sua presenza, nel tentativo di fuga è caduto nell’area sottostante, dove erano presenti materiali che ne hanno attutito miracolosamente l’impatto, e ha proseguito la sua corsa per rifugiarsi tra i macchinari e i container presenti all’interno del cantiere .

– Questo è emerso da quanto raccontato agli operatori dell’ENPA dallo stesso segnalante che, non riuscendo più a individuare la posizione del cucciolo, ma sentendolo ancora miagolare dopo la rovinosa caduta, ha chimato l’Enpa Milano (telefono 02-97.06.42.20), chiedendo di intervenire per soccorrere la bestiola.

– Dopo il primo sopralluogo e il posizionamento della gabbiaetta trappola, i volontari sono tornati sul posto sabato mattina per tentare di individuare e catturare il gattino, ancora spaventatissimo e, per questo, difficile da avvicinare.

– Soltanto alle 19,30 circa, probabilmente stremato dal freddo e dalla fame, il piccolo felino ha trovato il coraggio di avvicinarsi al cibo presente all’interno della gabbietta, entrando nel trasportino e, facendosi catturare, salvandosi di conseguenza la vita.

– Una volta recuperato, il micio è stato subito trasportato presso la sede Enpa di Via Gassendi 11, dove i veterinari della clinica lo hanno visitato riscontrando, fortunatamente, soltanto piccole escoriazioni sul mento, guaribili in pochi giorni.

– Un enorme grazie, quindi, al cittadino che vedendo un gattino in difficoltà non è passato oltre alzando le spalle, ma ha chiamato Enpa allo 02-97.06.42.20: basta una telefonata per salvare una vita, senza alcun impegno né perdita di tempo per il segnalante.

 

TELEFONO PER SEGNALARE QUALSIASI ANIMALE IN DIFFICOLTA’ – Per segnalare qualsiasi animale in difficoltà, da un passerotto ferito, a un piccione morente, senza dimenticare cani e gatti abbandonati o sofferenti, il numero Enpa dedicato al soccorso di TUTTI gli animali è il seguente:

– 02-97.06.42.20

– Orario: tutti i giorni, domenica e festivi compresi 9,00-13,00 e 14,00-24,00

 

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Raccolta cibo per gatti Milano, colonie feline di Pregnana Milanese, orari, info, recapiti

Adozioni cani canile Milano, scegliamo un animale anziano, cioè di oltre 5 anni, elenco canili di fiducia

Terapie Alzheimer: danza, arte e pet therapy migliorano la vita dei malati

Soccorso animali Milano, Enpa salva piccioni e gatto con zampetta paralizzata, il micino avrà bisogno di tanto amore, contatti e foto

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here