Alberi abbattuti Milano via Mac Mahon, Aidaa fa esposto in Procura e chiede risposte al Comune

Sono ben 70 gli alberi abbattuti nel solo mese di gennaio a Milano, ufficialmente in quanto “malati”, anche se in molti casi qualche “ragionevole dubbio” è sorto sia alle associazioni ambientaliste, che ai comitati dei cittadini che si occupano proprio della tutela del verde pubblico nella capitale lombarda.

 

A rendere noto il numero delle piante tagliate è stato lo stesso Palazzo Marino che, attraverso il servizio parchi e giardini, ha divulgato il piano di abbattimento (vedi elenco qui sotto).

 

“Al di là del fatto che moltissimi di questi alberi non saranno di fatto sostituiti con altri di egual valore e pregio – ha spiegato AIDAA, Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente, – noi vogliamo vederci chiaro e, per questo, abbiamo inviato un esposto alla Procura della Repubblica di Milano”.

 

“Siamo preoccupati poiché spesso – aggiunge Aidaa, – questi abbattimenti riguardano alberi adulti che potevano essere salvati con una serie di interventi di manutenzione e cura preventiva, cosa che negli anni si è fatta solo saltuariamente e spesso male, portando come unico risultato possibile il taglio di piante come aceri, ippocastani e platani”.

 

“Un altro punto sul quale Aidaa intende andare a fondo – proseguono i portavoce dell’associazione, – riguarda la destinazione finale della legna ricavata da questi alberi. Non è assolutamente impossibile, infatti, che queste piante finiscano ad implementare la produzione di pellet o di altre biomasse, questione questa sulla quale esigiamo dal Comune la massima trasparenza.

 

Per tali motivi Lorenzo Croce, presidente di Aidaa, ha inviato l’esposto alla Procura della Repubblica del tribunale di Milano ed al Comando del Nucleo operativo ecologico dei Carabinieri, chiedendo “indagini per verificare se la presenza degli alberi è realmente così pericolosa da rendere indispensabile il loro taglio e, in questo caso, spiegare per quale motivi non si è fatto nulla dal 2008, data in cui tale situazione sarebbe stata già nota”.

 

All’interno del documento, inoltre, anche la richiesta di “di indagare se le Amministrazioni milanesi che si sono susseguite in questi anni ed i vertici dell’Atm non abbiamo messo a repentaglio la vita dei cittadini e del personale viaggiante tacendo il presunto pericolo causato dagli alberi e chiedendo, in caso di riscontro effettivo del persistente pericolo, che venga immediatamente bloccato il traffico delle linee dei tram.

 

Se così invece non fosse, si chiede al Tribunale un provvedimento urgente che blocchi immediatamente il taglio degli alberi, almeno fino a quanto non vi saranno nuove perizie che attestino o meno la pericolosità provocata da piante presenti da oltre ottant’anni lungo via Mac Mahon, e fino a quanto il Comune non avrà studiato soluzioni alternative che non passino dal taglio degli olmi coinvolti e, anzi, che vadano nella direzione della loro messa in sicurezza attraverso la parziale rimozione della soletta di cemento sottostante, in modo da permettere agli alberi di sviluppare in maniera naturale le proprie radici”.

 

Aidaa chiede infine “un tavolo tecnico aperto ai cittadini ed alle associazioni per trovare una soluzione che permetta di non mettere ‘tram contro alberi’, ma che trovi un compromesso possibile (che esiste- sottolinea Aidaa), per la salvezza di entrambi, e che può diventare un vero e proprio progetto pilota per tutte le altre situazioni simili non solo di Milano, ma di tutte le città con viali alberati del nostro Paese”.

 

ELENCO ABBATTIMENTI ALBERI NEL COMUNE DI MILANO MESE DI GENNAIO 2013 – Di seguito il pino di abbattimento degli alberi a Milano, con la specificazione di Zona, Indirizzi, Specie relativa alla pianta da abbattere, n°Gis, n°VTA e Classe:
1 54 Piazza S. Agostino Acero 171 19474 D
1 54 Piazza S. Agostino Platano 207 19480 D
1 121 Giardini Montanelli Quercus 45 40363 D
1 155 Piazza S. Eustorgio Quercus 136 43142 D
1 246 via M.Pagano Celtis D 1540 D
1 262 Via Giusti 15 Ailanto NA1 47263 D
2 98 Parco Trotter Platano A2113 47223 D
3 192 Corso Indipendenza Ippocastano E107 4603 D
3 192 Corso Indipendenza Ippocastano L043 4498 D
3 192 Corso Indipendenza Ippocastano L061 4565 D
3 192 Corso Indipendenza Ippocastano M091 4520 D
3 192 Corso Indipendenza Ippocastano G112 4823 D
3 146 Via Cima 15/17 Acero 346 47395 D
5 102 Via S. Giacomo 1 Prunus 130 46986 D
5 102 Via S.Giacomo 1 Robinia 213 46979 D
5 102 Via S.Giacomo 1 Robinia 269 46966 D
5 102 Via S.Giacomo 1 Robinia 270 46967 D
5 102 Via S.Giacomo 1 Robinia 271 46968 D
5 102 Via S.Giacomo 1 Robinia 272 46969 D
5 102 Via S.Giacomo 1 Robinia 273 46970 D
5 102 Via S.Giacomo 1 Robinia NA1 46981 D
5 143 Vie Bocconi Acero 2051 39395 D
5 103 Via S. Giacomo Acero 159 47415 D
6 78 Piazza Frattini Gleditsia 333 14781 D
6 85 Via Giambellino Platano 545 14890 D
6 78 Piazza Frattini Olmo 219 47415 D
6 89 Piazza Napoli Catalpa             384 24581       D
6 102 Via Lorenteggio Robinia 201 31574 D
6 102 Via Lorenteggio Robinia NA5 31582 D
7 112 Parco Baggio Robinia 223 43025 D
Località
7 246 Via Rospigliosi Platano 5025 26519 D
7 268 Via Vodice Acero 215 26589 D
7 277 Via Dezza Catalpa             3070 46965       D
7 139 Via Cabella Celtis 179 42875 D
7 13 Via Fornari Prunus 162 15799 D
7 194 Piazza Brescia Acero 1104 25743 D
8 14 Vie Borsa/Cilea Quercus 1245 39571 D
8 185 Via Val Lagarina Sophora 51 47243 D
8 80 Via S.Benelli 12 Cercis 1105 25744 D
8 80 Via S.Benelli 12 Olmo 41 47443 D
8 80 Via S.Benelli 12 Pioppo 81 47418 D
8 82 Via Betti 71 Prunus 2043 47467 D
8 183 Via Val Lagarina Prunus 110 41812 D
8 93 Via Lampugnano 163 Pioppo 1020 47177 D
8 93 Via Lampugnano 163 Pioppo             3020 47185       D
8 93 Via Lampugnano 163 Pioppo RE 2051 47184 D
8 105 Via Visconti 18 Ailanto 150 48209 D
8 105 Via Visconti 18 Robinia 167 48202 D
8 105 Via Visconti 18 Robinia 169 48223 D
8 105 Via Visconti 18 Pioppo 320 48224 D
8 107 Via Viscontini 7 Pioppo 1023 47363 D
8 107 Via Viscontini 7 Pioppo 2003 47362 D
Si informa inoltre che sarà effettuata la rimozione di alberi di platano
affetti da cancro colorato nelle seguenti vie:
– Viale Romagna n°1 esemplare
– Viale Caprilli n° 1 esemplare
– Via Achille Papa n° 2 esemplari
– Viale Certosa n°1 esemplare

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Protesta agricoltori Milano Cascina Zerbone, Comune vuole la costruzione di 830 appartamenti sui terreni degli ultimi produttori di latte di Milano

Rifiuto pass preferenziali Enpa Milano, il Comune elimina gli automezzi del soccorso per animali dalle categorie esentate

Iniziati lavori Darsena Milano, l’indignazione di Enpa: “Grande delusione per giunta Pisapia”

Parcheggio interrato via Aporti – Varanini – Cavalcanti Milano, i NO del comitato residenti

 

Di Redazione

2 COMMENTI

  1. FATE ANCHE L’ELENCO
    degli interventi ASOCIALI
    che gli zingari, operano fattivamente a tutti i cittadini.

    SCOMMETTIAMO CHE ?
    la lista supera di gran lunga quella degli alberi tagliati ?

  2. Io mi chiedo anche perché durante gli incontri pubblici a cui sono intervenuti anche dipendenti ATM veniva da loro dichiarato che i tram devono procedere a velocità ridotta per motivi di sicurezza quando di notte molti mezzi transitano sulle rotaie a velocità molto vicine a 50 km/h se non superiori e che anche di giorno le velocità sono superiori a quelle richieste dai cartelli lungo la linea “a Passo d’uomo”?
    Sembra che ATM abbia degli interessi nell’ abbattimento degli alberi che vanno oltre ai motivi di sicurezza e che mandi appositamente in giro suoi dipendenti che aggrediscono verbalmente e arrivano anche quasi ad insultare i cittadini che cercano soltanto di salvaguardare quel poco e misero verde che ci permette la sopravvivenza. Nessuno chiede di eliminare il tram che è l’unico mezzo a disposizione degli abitanti della via solo si chiede di salvare il maggior numero di alberi possibile e di avere garanzie circa il rimpiazzo di quelli che per sicurezza dovranno essere eliminati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here