Rifiuti pericolosi Varese, smaltimento irregolare scoperto da Gdf

discarica via Guido Da Velate, MilanoI militari della Guardia di Finanza di Luino, insieme con i colleghi della Sezione Aerea di Varese, hanno concluso nei giorni scorsi l’operazione denominata “ Valli pulite ”, finalizzata al contrasto di forme di illegalità economica connesse al settore ambientale. L’operazione si inquadra nella più ampia attività di controllo economico del territorio, finalizzata alla prevenzione e repressione di ogni forma di illegalità economico – finanziaria.

 

LA NASCITA DELLE INDAGINI – “L’attività investigativa è stata avviata nei primi mesi del 2014 a seguito di una verifica fiscale nei confronti di una società di recupero rifiuti – hanno spiegato le Fiamme Gialle –, nel corso della quale sono stati rinvenuti documenti extra contabili contenenti riferimenti a rapporti con soggetti estranei rispetto a quelli risultanti dalle scritture contabili ufficiali”.

 

LO SMALTIMENTO IRREGOLARE DEI RIFIUTI – I conseguenti approfondimenti fiscali hanno permesso di rilevare che, l’impresa, si avvaleva proprio dei soggetti estranei ai dati contabili per effettuare numerose operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti a pagamento, eseguite senza emissione di documentazione fiscale e senza compilare i formulari previsti dalla normativa ambientale ed indispensabili per poter concentrare i rifiuti presso gli impianti autorizzati.

– Gli accertamenti hanno quindi consentito di individuare ulteriori imprese dedite alle attività illecite che hanno consentito, alle stesse, ingenti risparmi in termini di costi economici rispetto al ricorso a impianti autorizzati, per i quali sono stati avviati connessi accertamenti tributari.

 

OLTRE 12MILA MQ COINVOLTI – “Sono state eseguite accurate investigazioni economico-finanziarie, che hanno dato avvio a una serie di appostamenti, controlli degli automezzi in movimento e operazioni di ricognizione aerea – hanno proseguito le Fiamme Gialle.

“Tali attività – hanno aggiunto –, hanno permesso di individuare 5 aree abusive, per complessivi 12.283 metri quadrati, situate nei territori delle comunità montane dell’alto varesotto, adibite a ‘depositi incontrollati’ di rifiuti pericolosi, nelle quali sono stati riversati rifiuti per circa 263 tonnellate e che, in alcuni casi, sono risultati sotterrati in aree boschive, ovvero utilizzati per operazioni di riempimento in cantieri edili sottoposti a vincolo ambientale, con grave rischio anche per il sostegno delle strutture ivi realizzate”.

 

LE DENUNCE – L’operazione di servizio è stata eseguita anche con l’ausilio di personale tecnico del dipartimento dell’Arpa Lombardia, sede di Varese, e ha permesso di interrompere un’illecita attività, che ha portato alla denuncia di 5 soggetti.

 

I PRELIEVI DI TERRENO DA SOTTOPORRE A CONTROLLI – Contestualmente ai sequestri delle aree, sono stati prelevati una serie di campioni di terreno al fine di verificare, a cura del competente Dipartimento dell’ Arpa Lombardia, la presenza di sostanze e/o composti altamente inquinanti e nocivi per la salute pubblica.

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here