Ricorso Tar Milano contro teatro Burri Parco Sempione: “Pisapia fermi i lavori!”

cantiere Teatro Continuo BurriAncora battaglie contro la Giunta Pisapia, accusata per l’ennesima volta di prendere decisioni senza un adeguato confronto con i cittadini.

 

Nell’occhio del ciclone la nuova installazione del Teatro Continuo che Alberto Burri progettò nel 1973 e venne subito posato, all’interno del Parco Sempione, come opera provvisoria.

 

La struttura, anni dopo demolita, è tornata ora alla ribalta, scelta dalla Giunta Pisapia come futuro luogo per eventi cittadini, nonostante l’esperienza pregressa che aveva portato proprio all’abbattimento della stessa: degrado, devastazione delle aree verdi, mancanza di sicurezza per i frequentatori del parco.

 

Dopo manifestazioni e raccolte firme, tentativi di confronti e ricerca di un dialogo costruttivo, la Fondazione Perilparco è adesso pronta a presentare ricorso al Tar.

 

A spiegare tale scelta il portavoce della Fondazione, Alberto Ferruzzi, nella riunione della Consulta per l’attuazione dei referendum che si è tenuta lunedì 16 marzo 2015 a palazzo Marino.

 

“Non vorremmo farlo, ma dobbiamo per tutelare il parco. Ci opporremo a questo progetto in tutti i modi e chiediamo ora al sindaco Pisapia di fermare i lavori e parlare“, ha detto Ferruzzi.

 

In particolare, la Fondazione contesta all’Amministrazione anche il mancato rispetto dell’Accordo di collaborazione scientifico-operativa sottoscritto dal Comune con la stessa Fondazione nel febbraio 1990, che prevede l’obbligo per palazzo Marino di chiedere alla fondazione un parere preventivo e vincolante per ogni intervento rilevante all’interno del parco Sempione.

 

“Questo parere per il teatro di Burri non ci è mai stato chiesto – ha spiegato Ferruzzi – venendo meno quindi a un contratto” che in precedenza è sempre stato rispettato, ha ricordato “ad esempio dall’amministrazione Moratti per il progetto della ruota panoramica e ancora prima nel ’95 per la recinzione del parco”.

—-

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Valorizzazione piazza Castello Milano con pedonalizzazione e bancarelle. Le foto: vedere per credere

Multe piazza Castello Milano dopo pedonalizzazione dell’area, ennesima protesta di un residente

Protesta pedonalizzazione piazza Castello Milano, sabato 10 maggio 2014 la contestazione dei residenti. Ecco perché

Cestini rifiuti rimossi quartiere Forlanini Milano, foto “eloquente” del ringraziamento a Pisapia

Rapine e pestaggi via Padova e viale Monza Milano, e il “laboratorio culturale” promesso da Pisapia?

Degrado Chinatown Paolo Sarpi Milano, lettera aperta a Pisapia da parte del comitato ViviSarpi

Danni esondazione Seveso Milano, raggiunti 25 milioni di euro. I cittadini: “Pisapia si dimetta”

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. Assurdo…il Sindaco Pisapia l'anno prossimo spero venga mandato via da Milano da almeno il 51% dei cittadini milanesi…ma su questo argomento deve continuare…e ci vorrebbe come si dice una maggioranza trasversale per proseguire i lavori dell'opera d'arte di Burri al Parco Sempione…e speriamo che i giudici del TAR siano così intelligenti da respingere il ricorso di cittadini retrogradi e conservatori…e comunque poi eventualmente sarà doveroso rivolgersi al Consiglio di Stato…Fabio62 da Milano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here