Cani in spiaggia, già elevate 400 sanzioni fino a 200 euro

Aidaa: “Da anni ci battiamo per una normativa unica nazionale, che permetta l'istituzione obbligatoria di spiagge libere attrezzate per i bagnanti con cani al seguito”

Cane-in-spiaggiaQuella che abbiamo alle porte pare essere la peggiore delle estati per i bagnanti con i cani in spiaggia.
Nonostante, infatti, le campagne di sensibilizzazione, le raccolte firme (20.000 delle quali raccolte attraverso l’iniziativa di AIDAA, Associazione Italiana in Difesa di Animali e Ambiente, www.firmiamo.it/liberaspiaggiapercani) ad oggi persiste ancora una babele composta da leggi regionali, ordinanze regionali e comunali e delle capitanerie di porto che di fatto vietano l’accesso nelle spiagge libere ai bagnanti con cane al seguito.
“AIDAA da anni si batte per chiedere che si proceda a una normativa unica nazionale che permetta l’istituzione obbligatoria di spiagge libere attrezzate per i bagnanti con cani al seguito – dichiarano i portavoce di Aidaa. – A una settimana dall’inizio dell’estate, stiamo invece assistendo a una situazione che vede la presenza di 5.000 diverse ordinanze (per un totale di 8.000 km di costa) e a oggi sono state comminate 400 multe fino a 200 euro, e oltre 1.000 le segnalazioni di persone allontanate in base alle singole ordinanze. Rilevati anche 300 cartelli illegali di divieto. Le situazioni peggiori – conclude Aidaa – sono in Sicilia, Litorale Romano, Campania, Sardegna e Puglia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here