Piazza del Duomo: bocca amara per Renzo Piano, Claudio Abbado e i loro 90.000 alberi

ForestaIl Maestro Abbado l’aveva posto come aut aut per il suo ritorno a dirigere al Teatro alla Scala, dopo 24 anni di assenza. Ma il progetto non ce l’ha fatta, nonostante recasse la firma di un grandissimo architetto come Renzo Piano.

 

Il problema insormontabile è stato l’aspetto economico: lo scorso febbraio i tecnici comunali avevano calcolato che, per il tratto da Piazza del Duomo a Piazza Castello, sarebbe stato necessario un esborso di 2milioni di euro, con il costo di ogni pianta pari a 10.000 euro. E il Comune ha detto no.

 

Successivamente, quindi, il nuovo accordo, con 3.000 alberi in 12 aree di Milano, e 220 destinati esclusivamente all’area più centrale, il tutto a costo più che dimezzato. Ma ancora, gli sponsor non sono arrivati.

 

L’ultimo rilancio è avvenuto da parte del sindaco Letizia Moaratti, che ha accettato come soluzione in extremis la piantumazione di 150 alberi.

 

Troppo pochi per Renzo Piano, e troppo grande la sua delusione, al punto che alla fine ha dichiarato: “Così, non si va avanti”.

 

Intanto, oggi in vendita gli ultimi biglietti per le serate programmate dalla Scala per il 4 e il 6 giugno. Protagonista a dirigere: Claudio Abbado.

 

Di Redazione