Limiti velocità tangenziali – provinciali Milano, punti patente sottratti e multe per trasgressori

La posa dei cartelli stradali con i nuovi limiti di velocità di 70 km/h è iniziata ieri e, a meno che il livello di Pm10 non si abbassi grazie alle circostanza metereologiche, fino al 15 marzo bisognerà stare più attenti che mai.

 

LE SANZIONI PECUNIARIE E I PUNTI DELLA PATENTE – Le sanzioni per chi trasgredisce il nuovo limite di velocità, infatti, fanno dolere non solo il portafogli, ma anche la patente; come stabilito dal Codice della Strada, infatti, le multe prevedono:

  • una pena pecuniaria da un minimo di 74 euro a un massimo di 296;
  • la sottrazione di 3 punti dalla patente per chi superi di oltre 10 chilometri il nuovo limite, facendo registrare una velocità di 81 km/h;
  • La velocità verrà rilevata attraverso autovelox e dispositivi tele laser;

 

LE PROVINCIALI – I divieti sono attivi soltanto sui tratti stradali correlati da apposita segnaletica, e precisamente:

  • Milano-Meda: limiti attivi;
  • Rho-Monza: è in atto il completamento della segnaletica;
  • Paullese: è in atto il completamento della segnaletica;
  • Val Tidone: è in atto il completamento della segnaletica;
  • Il divieto scatta solo se segnalato da apposita cartellonistica.

 

LE TANGENZIALI – Per le tangenziali coinvolte dal provvedimento, regna maggiore confusione. Nonostante i cartelli siano stati allestiti qua e là, non è comunque ancora arrivata l’autorizzazione di Anas per rendere attivi i nuovi divieti, la cui entrata in vigore è quindi momentaneamente rimandata a settimana prossima.

 

LE AUTOSTRADE – Palazzo Isimbardi ha inviato una richiesta al Prefetto ed ai gestori per far sì che l’ordinanza si applichi anche ai tratti autostradali che attraversano il milanese:

  • Serravalle si è mostrata accondiscendente alla proposta di aderire all’ordinanza, che entrerà quindi in vigore una volta installata la segnaletica prevista;
  • Autostrade per l’Italia sta valutando se applicare i nuovi limiti sulla A4.

 

STRADE COMUNALI HINTERLAND – Anche le strade comunali saranno coinvolte nel provvedimento: i sindaci dell’hinterland hanno confermato la propria disponibilità per attivare il limite dei 70 km/h nei tratti stradali di competenza comunale.

 

CERCHIA DEI BASTIONI A MILANO –  Rimangono intanto attive le limitazioni per i veicoli inquinante che pagano l’Ecopass per l’accesso cittadino alla Cerchia dei Bastioni. Deroghe previste per:

  • residenti;
  • nella finestra di mercoledì e venerdì tra le 10 e le 12, i veicoli commerciali Euro 4 diesel senza fap adibiti al trasporto cose, purché rispettino la normativa relativa alla ZTL merci, le cui nuove restrizioni sono in vigore dal 31 gennaio; soddisfazione in tal proposito espressa da Simonpaolo Buongiardino, Unione del commercio: “De Corato ha ascoltato le esigenze dei commercianti, ciò dimostra l’attenzione del Comune verso le categorie».


Per l’ultimo aggiornamento, il dettaglio delle strade coinvolte, il decadimento dell’ordinanza all’interno della Cerchia dei Bastioni e il mantenimento delle limitazioni d’accesso per i veicoli commerciali dalle 7,30 alle 19,30, CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Ordinanza 70 Km/h slitta a giovedì 17 febbraio, attiva per tangenziali, provinciali e autostrade

Smog oltre limiti durante blocco, De Corato: il vero problema sono le caldaie

Multa smog Milano: la sanzione Ue va allo Stato Italiano, non a Milano che, nella classifica di Legambiente, è all’11esimo posto dopo Napoli e Torino

Blocco auto fino mercoledì 9, deroghe per residenti che pagano Ecopass

Blocco auto da lunedì 31 gennaio, fase 2 piano antismog al via, dettagli, deroghe e multe


Di Redazione

4 COMMENTI

  1. ho letto tutto l’articolo sono d’accordo per i limiti di velocita’ piu’ bassi come in svizzera e piu’ veloci sulle autostrade come in germania ma non sono d’accordo quando questi sistemi vengono appicati senza preavviso, suonano come un ultimatum e servono solo per monetizzare e non risolvono il problema dovrebbero invece mettere su ferrovia le merci in transito, mettere in regola le caldaie degli edifici pubbllici, case popolari ecc.. che sono ancora a nafta e carbone
    potenziare i mezzi pubblici e parcheggi a prezzi accessibili e pagare l’ ecopass i milanesi quando vengono da noi in provincia a milano dovrebbero fare come a parigi piu’ mezzi piu’ parcheggi sotterranei parcheggi esterni e circolazione solo per i residenti piu’ piste ciclabili biciclette pubbliche epiu’ lavaggio strade ciao ! scusate per l’ incazzatura !

  2. Buffoni!!! Serve solo per aumentare le casse alle amministrazioni!!! Che iniziassero a pensare di far circolare i mezzi pubblici come treni metrò tram tutta notte come in tutte le città europee magari le polveri sarerebbero più basse!!!!

  3. Io dico si ai limiti di velocità, ma penso che per ridurre lo smog facciamo ridere la comunità europea e non solo.. perchè sulle tangenziali ed autostrade da 3/4 corsie il limite a 70 ci rende sempre più ridicoli.. poi se al comune di Milano servono soldi allora non finisco nemmeno il commento……………….

  4. Non so se avete mai guidato a 70 km/h, addirittura la macchina non tiene la quinta marcia!!!
    Ma quale scusa di inquinamento…è la solita presa per i fondelli.Dire buffoni è dire poco!Che paese triste!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here