Aumento Atm e tasse Milano, da settembre il biglietto costerà 1,50 euro ma gli aumenti inizieranno il 1 agosto per le tratte extraurbane; l’Irpef porterà una spesa media di 60 euro in più; in arrivo anche l’aumento della tassa sui rifiuti e l’introduzione di quella di soggiorno

L’aumento del biglietto Atm è stato approvato; la giunta comunale ha deliberato venerdì e, il verdetto, è stato emesso: dal 1 settembre prendere l’autobus, il tram o fare una corsa in metropolitana costerà il 50% in più di adesso, e per comperare il biglietto si dovrà sborsare 1,50 euro. Ma non riguarda solo Atm la raffica di aumenti in arrivo per i milanesi, coinvolgendo anche:

  • aumento dell’Irpef;
  • l’aumento della tassa sui rifiuti;
  • introduzione della tassa di soggiorno;

 

 

 

AUMENTO BIGLIETTO ATM, TRATTE URBANE ED EXTRAURABNE – Il Codacons è sul piede di guerra e ha già annunciato ricorsi, parlando chiaramente di decisione «inaccettabile ed incompatibile con la battaglia all’inquinamento». L’aumento del biglietto, infatti, è del 50%. Nel dettaglio:

  • Si saprà questa settimana se gli aumenti di tratte urbane ed extraurbane verranno accorpati oppure no. In questo secondo caso, gli aumenti saranno divisi in:

1. Tratte extraurbane, aumento da 1 aogsto: Per tali tratte l’aumento inizierà il 1 agosto nella misura del 10%, ma un secondo aumento si applicherà  dall’1 settembre, in concomitanza con l’aumento del biglietto urbano

2. Tratte urbane, aumento dal 1 settembre: dal 1° settembre scatta la nuova tariffa per bus, tram e metropolitane Atm; il biglietto passerà da 1 a 1,50 euro, con un aumento del 50%.

  • «L’aumento del biglietto Atm annunciato nei giorni scorsi dal sindaco Giuliano Pisapia colpirà, inevitabilmente, non solo i milanesi ma pure i milioni di cittadini del Milanese che, ogni giorno, si recano nel capoluogo per lavorare e produrre ricchezza – ha dichiarato il presidente della Provincia di Milano, On. Guido Podestà. – Auspico, pertanto, che il gettito derivante dall’incremento della tariffa non venga impiegato esclusivamente nella copertura della spesa corrente di Palazzo Marino ma sia investito, almeno in parte, nella realizzazione di prolungamenti fuori città delle Metropolitane”.
  • Resterà fortunatamente invariato il prezzo dell’abbonamento annuale e saranno tutelati i cittadini di età superiore ai 65 anni.
  • in base al nuovo contratto firmato nel 2010 da ATM, comunque, gli introiti dei biglietti non entrano più nelle casse dell’azienda dei trasporti ma finiscono direttamente in quelle di Palazzo Marino.

 

AUMENTO IRPEF – E’ stata approvata anche l’addizionale dell’Irpef per i redditi superiori ai 26mila euro lordi;

  • “Tutte tasse che il centro-destra si era rifiutato negli ultimi 15 anni di toccare” ha commentato l’ex vicesindaco Riccardo De Corato, ora vicepresidente del Consiglio Comunale di Milano e componente della Commissione Consiliare Bilancio. “Cercheremo di contrastate questa sventagliata di gabelle che si scaricheranno sulle spalle dei milanesi, sopratutto sul ceto medio, sul quale si abbatterà una stangata di non poco conto che bastonerà chi è già bastonato”
  • “Questa addizionale, infatti, si abbatte sia sulle imprese, che sono costrette a fatturare, che sui lavoratori dipendenti a reddito fisso” spiega De Corato. “I soliti evasori, al contrario, non verrebbero toccati. Si calcola che questa gabella colpirà 350.000 milanesi con un costo medio stimato attorno ai 60 euro a persona.

 

AUMENTO TASSA DEI RIFIUTI – nelle prossime settimane, ad approvare quella relativa all’aumento della tariffa per la raccolta dei rifiuti (TARSU).

 

INTRODUZIONE TASSA DI SOGGIORNO

  • Presentata anche l’introduzione della tassa di soggiorno, quantificata al pagamento di 5 euro giornalieri;
  • ampia la protesta degli operatori del settore, dai commercianti agli albergatori, che sostengono quanto una tale iniziativa ne penalizzi le attività.
  • Per leggere tutte le proteste CLICCA QUI

 

IL NO TAX DAY – Tra accuse e giustificazioni, annunci di ricorsi e alzate di spalle, l’opposizione propone di organizzare un No Tax Day: una giornata di protesta contro gli esborsi che colpiranno soprattutto la fascia reddituale media e, per quanto concerne in particolare il biglietto Atm, non convincerà di certo a pagare chi già abitualmente non timbra l’attuale biglietto da 1 euro.

 

Leggi anche:

Contributi Leoncavallo da Comune Milano, l’assessore alla Sicurezza Granelli: “Valorizzare la positività di questo luogo che in futuro potrebbe anche ricevere contributi per determinati progetti”

Tagli Comune Milano, cancellati finanziamenti a Polizia locale, anziani, case popolari, asili, scuole e altro, elenco e dettagli

Aumento Irpef Milano, il Comune stabilisce addizionale su imposta sul reddito

Tassa di soggiorno Milano, Comune presenta proposta su balzello da 1 a 5 euro al giorno per i turisti in visita a Milano

Aumento biglietto ATM Milano, una corsa potrà costare fino a 2 euro, gratis gli over 65

Ritirati militari Milano, alla vigilia dell’agosto la città perde 350 uomini preordinati alla sua sicurezza


di Redazione

1 COMMENTO

  1. Anche Pisapia con l’addizionale irpef ha fatto vedere il suo vero volto uomo di sx a parole, nei fatti difensore dei ricchi i quali si fregheranno le mani per lo scampato pericolo essendo per loro l’aliquota dello 0,2% troppo bassa….. a pagare son sempre le classi medie e mediobasse, mentre quelle alte per loro questo contributo sarà risibile.
    Poi non è chiaro se questi 26000 (lordi perdipiù) terranno conto anche del quoziente familiare, il che vorrebbe dire che fasce concretamente sotto questo limite potrebbero trovarsi a pagare una tassa che poteva scattare solo per i contribuenti più ricchi….è questa l’equità che Pisapia sventolava in campagna elettorale!!??? Vergogna!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here