Area C Milano a 30 km all’ora, invitiamo i lettori a fare una prova ed inviarci, dopo, un commento

8 km quadrati su quasi 200mila km quadrati complessivi: è l’estensione di Area C, pietra dello scandalo in una città dove, soprattutto per i residenti di zona, non sembra più esserci pace.

 

PEDAGGI, PAGAMENTI, PM10 INVARIATO E OBBLIGO DI COMPERARE UN’AUTO NUOVA PER TUTTI I RESIDENTI PROPRIETARI DI EURO 3: LE CONSEGUENZE DI AREA C – Dopo, infatti, il pedaggio per tornare a casa propria, il pedaggio per recarsi in ospedale e/o al pronto soccorso, l’obbligo di comperare un’auto nuova entro il 2013 per tutti i residenti all’interno di Area C proprietari di una vettura Euro 3 (e quindi discriminati, rispetto al resto dei milanesi, non solo a causa dell’imposizione del pagamento del pedaggio per tornare a casa propria, ma anche per il fatto di dover comprare un’auto nuova se da casa propria si vuole uscire), e nessun risultato in termini di aria depurata dal famigerato PM10 (proprio dopo l’introduzione di Area C, infatti, sono stati decisi da Palazzo Marino numerosi blocchi per cercare di scongiurare i livelli di PM10, sempre più alti soprattutto nel centro storico), è arrivata la nuova proposta del Comune Pisapia: inserire il limite di velocità di 30 km orari in tutta l’area. E non soltanto lì.

 

IL PROGETTO DENTRO ALL’AREA C… – L’idea, anche in questo caso vivamente sostenuta dal nostro 32enne assessore alla Viabilità di Milano, Pier Francesco Maran, è quella di partire con una “sperimentazione” in zona Navigli (dall’asse corso Genova – via Torino procedendo poi sulla rete di Porta Romana) da estendere poi in tutto il centro cittadino, al fine di «Ridurre rumori ed emissioni inquinanti, garantire maggiore sicurezza a ciclisti e pedoni»

 

…E FUORI ALL’AREA C – In questo senso, il progetto al vaglio del Comune prevede anche 25 “spicchi” esterni ad Area C, dove gradualmente si introdurrà il medesimo limite dei 30 km/h. Nel dettaglio:

– entro fine 2012 le zone coinvolto dovranno essere: piazza Frattini, via Figino, piazzale Accursio, Dergano, Isola, via Padova, Lazzaretto, via Melzo, via Muratori.

– Nel 2013 saranno inclusi anche i seguenti quartieri: Villaggio dei Fiori al Lorenteggio, Baggio, Gallaratese, piazzale Damiano Chiesa, via Iseo, piazzale Governo Provvisorio, via Bottego, piazza Fratelli Bandiera, via Fiamma, via Conservatorio, via Morosini, via Martinengo, via Colletta, via Morivione, piazza Napoli e via Washington.

 

QUANTO COSTERA’ PREDISPORRE LA CITTA’ PER IL NUOVO PROGETTO SOSTENUTO DA MARAN & CO? – Per predisporre gli 8 km quadrati di Area C a tale progetto, come illustrato durante la relativa presentazione, la città dovrà farsi carico di spese precise, poiché:

– ai varchi saranno installate porte visibili d’accesso;

– le strade saranno ristrette,

– i marciapiedi allargati;

– saranno inseriti percorsi pedonali segnalati con pannelli multimediali.

 

L’INVITO DI CRONACAMILANO A TUTTI I CITTADINI: FATE UNA PROVA E ANDATE A 30 KM/H PER UNA GIORNATA. POI SCRIVETECI COME VI SIETE TROVATI – Come per l’introduzione di Area C, anche alla base di questa iniziativa c’è lo scopo di «incentivare gli spostamenti a piedi, in bici e con i mezzi pubblici», ha spiegato Maran.

In merito, invitiamo i cittadini a fare una prova concreta “su strada”, svolgendo le proprie necessità quotidiane senza sforare i 30 km/h di velocità.

A fine “prova”, invitiamo i cittadini a raccontarci com’è andata.

 

IL SECONDO INVITO: DIAMO VOCE A CHI NON PUO’ ANDARE IN BICICLETTA. ANCHE IN QUESTO CASO, ATTENDIAMO LE OPINIONI DEI CITTADINI COINVOLTI – Inoltre, attendiamo anche l’opinione di tutte quelle persone per le quali non sia possibile sostituire l’auto con la bicicletta. Ad esempio:

– per chi deve portare i bambini a scuola, per gli anziani, per i disabili, per i cardiopatici, per gli obesi, per chi deve andare a fare la spesa per una “famiglia media”, per i baristi e i cameriere – soprattutto donne – che terminano il proprio turno di lavoro di notte, e tutti quanto vorranno dire la propria.

 

SCRIVETECI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Area C Milano, le promesse fatte e non mantenute dal Comune su Area C

Esenzioni Area C Milano malati cronici, la bufala del Comune, intervista di Cronacamilano

Smog Milano, Pm10 ancora oltre i limiti, ennesima delusione per Area C, ecco perché

Area C Milano, PM10 quasi 5 volte oltre i limiti e blocco totale Euro 3, ma Palazzo Marino dirama dati entusiasmanti

Viabilità Milano, boom di motorini e fuga delle auto: moto e scooter non inquinano?

Ticket Area C Milano, corsi Croce Rossa sospesi perché Comune nega esenzioni ai volontari

Area C Milano, smog sopra i limiti da 7 giorni e allarme dei commercianti, “Toglietela!”

Smog Milano terzo giorno Area C, Pm10 quasi 4 volte superiore ai limiti di Legge

Area C Milano e PM10 oltre al doppio del consentito, dopo 2 giorni di provvedimento torna il blocco

Ecopass Milano non serve, chiaro il parere del Ministro dell’Ambiente al vertice antismog

Risultato blocco traffico Milano 9 e 10 dicembre 2011, smog ancora oltre la soglia

 

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. In aggiunta all’elenco dei cittadini che non possono usare la bicicletta, aggiungerei i volontari che prestano il proprio servizio presso le Associazioni di Pronto Soccorso che hanno le sedi dentro l’Area C. Quando finiscono il proprio turno di servizio, a sera tardi, molte sono le ragazze, non attraversano Milano in bicicletta stanche, magari piove e fa freddo, ecc. Già questa Area C ha costretto le Associazioni a chiedere il rimborso, se arriverà, per il pagamento del ticket dei propri volontari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here