Sospensione ordinanza catene da neve – Podestà dice che il provvedimento è “soltanto” sospeso

PodestàContinua a far discutere il provvedimento inizialmente adottato dalla Provincia di Milano e successivamente sospeso dal presidente Guido Podestà, riguardo l’obbligatorietà di catene da neve a bordo o gomme invernali montate.

 

SI FA O NON SI FA? – Chi pensava che il silenzio delle ultime settimane fosse una strategia adottata da Palazzo Isimbardi per lasciar finire nel dimenticatoio, almeno per quest’anno, il provvedimento anti-neve, si è sbagliato, o almeno così sembra leggendo le dichiarazioni di Podestà, che riguardo l’ordinanza afferma: «E’ sospesa ma verrà riavviata dopo una lettura con i presidenti delle province di tutto il nord ovest d’Italia, in modo da rendere i provvedimenti omogenei sul territorio».


L’ENNESIMO APPELLO AL BUON SENSO – E così un’altra volta si finisce per invocare “un terzo uomo”, il «buon senso» che dev’essere presente nell’ordinanza, volta, ricorda Podestà  «a garantire maggiore sicurezza ai cittadini».

 

LA QUESTIONE SULLE COMPETENZE – Il problema sottolineato pochi giorni fa circa la necessità di uniformare i vari provvedimenti emessi, parificandoli a livello regionale senza lasciare le competenze alle singole Province, è stato messo in evidenza anche da Palazzo Isimbardi: «È evidente – ha detto Podestà a margine dell’assemblea con i rappresentanti dell’Unione province lombarde (Upl) – che ci potrà essere uno sforzo per rendere più omogenee le ordinanze. Nella Fondazione delle province del Nord-Ovest abbiamo già stabilito di fare una tavola sinottica in modo da confrontare le diverse ordinanze nelle varie province».

 

PROVINCIA CHE VAI, ORDINANZA CHE TROVI – Inevitabilmente la mancanza di un concordato tra i presidenti delle diverse Province lombarde ha fatto sì che ognuna di esse emanasse provvedimenti differenti, dando ciascuna una propria interpretazione alla questione che rischia di non essere più rivolta, effettivamente, al miglioramento della sicurezza stradale, divenendo di fatto una questione meramente politica.

 

I TEMPI? – In attesa del tavolo sinottico nella Fondazione delle province del Nord-Ovest, il gelo sta iniziando ad arrivare sulla Lombardia ed i primi fiocchi di neve non sembrano un così lontano miraggio. La decisione riuscirà ad arrivare in tempo?

 

Leggi anche:

Obbligo catene da neve a Milano, Monza, Bergamo, Varese, Como e Lecco, ecco tutte le posizioni

Rinvio obbligo catene a bordo, Podestà rinvia l’attuazione del provvedimento, prevista per il 15 novembre

Annullamento obbligo catene da neve, Podestà potrebbe annullare l’ordinanza, già bocciata da Palazzo Marino

Proteste per obbligo di catene da neve a bordo, una valanga di reclami contro la Provincia di Milano

Obbligo catene da neve o pneumatici termici sulle provinciali di Milano dal 15 novembre 2010

 

Matteo Torti

 

 



2 COMMENTI

  1. ennesima dimostrazione di quanto poco sia la politica ma soprattutto gli uomini che la praticano. soggetti non propensi all’uso del buon senso, della praticita’ e dell’intelligenza. i veri politici sono ormai una razza estinta da troppo tempo. questi nuovi non sono altro che arrivisti senza scrupoli. e pensare che li paghiamo Noi per fare i loro sporchi comodi. e’ quello che il popolo italiano si merita, perche’ noi siamo peggio di loro visto il nostro disinteresse e la scarsa propensione a metterli in riga.

  2. concordo con te Renato, il buon senso questi politici dimostrano proprio di non avercelo , ma come si fa a fare le ordinanze un giorno prima per il giorno dopo !!! qui gatta ci cova secondo il mio modesto pensiero vogliono favorire il mercato delle catene da neve e delle gomme invernali per generare l’ennesima speculazione ai danni della povera gente che già fa fatica ad arrivare a fine mese ( aumentando la domanda aumenta il prezzo ) ovvio no?? alla faccia delle politiche sociali in aiuto alle famiglie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here