Abbonamenti Atm gratuiti Milano, Comune mette in palio 645 abbonamenti per una città di oltre 1 milione di abitanti

Il Comune di Milano ha messo in palio 645 abbonamenti ATM gratuiti per precari con un bando pubblicato sul sito ufficiale di Palazzo Marino.

 

L’ABBONAMENTO GRATUITO: CHI PRIMA SCRIVE, BECCA LA TESSERA GRATIS – Come spiegato nel sito del Comune, per partecipare bisogna avere un contratto di lavoro superiore ai 12 giorni (sono escluse le partita Iva e le collaborazioni non a progetto) essere residenti a Milano e avere dai 18 ai 35 anni.

–  Tutta la modulistica per la compilazione delle domande e le informazioni sono disponibili sul sito www.comune.milano.it

– Inoltre, fermo restando che il bando rimarrà aperto un mese, “Le tessere annuali gratis verranno date secondo l’ordine d’arrivo dei documenti che possono essere mandati solo a partire da lunedì 11 marzo 2013 alle ore 12.00, alla mail PLO.bandoatmprecari@comune.milano.it.

.

IL COMMENTO ENTUSIASTA DELL’ASSESSORE ALLE POLITIHE DEL LAVORO DI MILANO, CRISTINA TAJANI – “L’Amministrazione ha deciso di inserire la mobilità gratuita tra le misure anti-crisi che stiamo attuando in questi mesi – ha detto l’assessore alle Politiche del Lavoro di Milano, Cristina Tajani (nella foto insieme al sindaco Giuliano Pisapia)

“Lo stanziamento complessivo è pari a 1,7 milioni di euro per abbonamenti gratuiti annuali Atm destinati a disoccupati e precari – ha aggiunto l’assessore arancione, – oltre a contributi pari al 50% di sconto sugli abbonamenti urbani annuali Atm per le famiglie numerose a basso reddito.

“Uno sforzo importante per il Comune – ha proseguito la rappresentante della giunta Pisapia, –  che ha triplicato le risorse rispetto allo scorso anno, quando lo stanziamento ammontava a 500 mila euro.

Gli abbonamenti – ha concluso la Tajani, – saranno assegnati fino ad esaurimento dei fondi disponibili a partire dalla data di chiusura del bando”.

 

IL PRIMO GIORNO, GIA’ 5.700 RICHIESTE – Ad oggi sono giunte all’Amministrazione, da parte dei disoccupati, 5700 richieste, 300 dalle famiglie numerose aventi diritto come da bando.

– I soggetti che vedranno accolta la propria richiesta saranno poi contattati dagli uffici preposti per portare a termine la pratica di erogazione dell’abbonamento. A tutti va quindi ricordato che le risposte verranno inviate solo fra qualche settimana, a conclusione di tutte le procedure istruttorie e di verifica.

 

IL COMMENTO DEL COMITATO PRECARI, CHE A MILANO SONO CIRCA 300.000 – Alberta C. del Comitato Precari Comune di Milano, pur apprezzando l’iniziativa, ha sottolineato: ‘Il bando è un intervento davvero insufficiente per dare un aiuto agli oltre 300.000 precari di Milano (dati 2012 Provincia di Milano).

– “Un’iniziativa di pubblicità elettorale – prosegue Alberta C., – più che un modo serio per affrontare i problemi di mobilità che si traducono anche in minori possibilità di movimento e ricerca di lavoro, ancor più gravi oggi visto che su 10 contratti di lavoro che vengono stipulati 8 sono precari”.

 

I COMMENTI DI ALTRI PRECARI: 645 ABBONAMENTI PER UNA CITTA’ CON LTRE 1 MILIONE DI PERSONE – Alcuni precari del Comune di Milano, che preferiscono non fornire il nome, vanno giù ancora più duri: “Dove son finite promesse che la giunta Pisapia e i partiti che la sostengono avevano fatto in campagna elettorale ai precari milanesi? 645 abbonamenti x una città di oltre 1 milione di persone. Poi non si sorprendano a sinistra se la gente decide di votare 5 stelle. Dopo le 60 assunzioni clientelari, i megastipendi a Corritore e Baruffi, ora non possono venirci a dire che non ci sono i soldi per noi!”

– Mario G., un precario che lo scorso anno era riuscito a ‘vincere’ l’abbonamento gratuito, ha qualcosa da ridire anche sulle modalità dell’erogazione: “Ma come si fa a dare un abbonamento gratuito a chi manda prima una mail?”

– Giovanna, una 40enne mamma milanese precaria con la partita Iva, fa notare: “Il numero ridicolo delle tessere che verranno distribuite, 645 (200mila euro/310 euro, il costo di un abbonamento annuale) e i limiti assurdi imposti dal bando. Ormai la precarietà coinvolge tutti, che significa dare sconti Atm solo a  chi ha meno di 35 anni? E perché escludere le partite Iva? Ma lo sanno i signori che siedono coi loro stipendi d’oro, a Palazzo Marino, che molte partite iva ormai sono diventate l’ultimo gradino della precarietà? Dopo c’è solo il lavoro nero. Perché escluderle, anche quando i guadagni sono inferiori ai 1.000 euro netti al mese?”

 

PISAPIA: PAROLE, PAROLE, PAROLE. E I FATTI? – Il Comune in una nota pubblicata sul sito – precisa il Comitato Precari, – esprime comunque soddisfazione per questa iniziativa, e sottolinea che potranno partecipare anche i ricercatori universitari titolari di borsa di studio.

– Restano però senza risposta le osservazioni rivolte direttamente al sindaco dagli attivisti di San Precario giusto un anno fa, attraverso una simpatica serenata “cantata” direttamente sotto le finestre del Primo Cittadino, in piazza San Fedele: http://www.youtube.com/watch?v=qsup4pPGhV8.

– “Modalità di erogazione, numeri dei precari potenzialmente beneficiari, impatto sul mondo del lavoro – spiega il Comitato, – tutte le richieste dei devoti del Santo, son rimaste inascoltate.

– Lo scorso anno, per lo stesso bando arrivarono oltre 4 mila domande e il Comune fu costretto, dopo 3 giorni dalla pubblicazione, ad avvertire con uno spazio sul suo sito che il bando era stato chiuso per esaurimento dei fondi a disposizione.

“La speranza di molti precari – sottolinea il Comitato, – è che una pressione ancora maggiore, con migliaia di domande, convinca la giunta a trasformare in delibere le tante parole spese in campagna elettorale sulla questione della precarietà.

 

UN CAMPANELLO D’ALLARME PER LA GIUNTA ARANCIONE – “Un alto numero di richieste potrebbe suonare come un campanello d’allarme alle orecchie dell’attuale giunta – osserva il Comitato, – dopo lo tsunami delle recenti elezioni. Molti degli uomini di punta della Giunta Pisapia, come l’ex vicesindaco Guida, il capo di gabinetto del sindaco Baruffi del PD e l’ex assessore al bilancio Tabacci, infatti, sono stati sonoramente bidonati urne.

– “Un risultato che non promette nulla di buono per il futuro della Giunta arancio, con il Movimento 5 Stelle pronto a ripetere anche sotto la Madonnina l’exploit ottenuto alle elezioni nazionali proprio sui temi del taglio dei costi della politica e sul reddito di cittadinanza ai precari.

 

SCARICA IL DOSSIER – Per scaricare tutto il dossier sulla situazione dei precari e delle promesse elettorali fatte e non rispettate dal Sindaco Giuliano Pisapia, CLICCA QUI

 

INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni: precarimilano1@libero.it

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Biglietti gratis San Siro per Pisapia e tutta la giunta arancione, elenco. “E io pago”, diceva Totò

Precari Comune di Milano, proteste per le promesse elettorali non mantenute dalla giunta, dettagli

Esenzioni Area C Milano malati cronici, la bufala del Comune, intervista di Cronacamilano

Protesta addette mense scolastiche comunali Milano, contratto svantaggioso per nuove assunte, “Pisapia mantenga le promesse!”

Via Ferrante Aporti Milano, dopo altri 6 mesi di promesse del Comune, il degrado continua, foto e interviste

Via Gassman Milano Quartiere Adriano, tante promesse elettorali ma i disabili sono ancora bloccati tra aiuole e cemento: foto e intervista di CronacaMilano

Area C Milano, le promesse fatte e non mantenute dal Comune su Area C

Protesta precari del Comune di Milano, la giunta Pisapia ha bloccato le assunzioni, chiedono giustizia

Iniziati lavori Darsena Milano, l’indignazione di Enpa: “Grande delusione per giunta Pisapia”

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here