Restituzione pensioni Fornero, rimborso a rate e soltanto per le pensioni medie

euroE’ il tema del momento e ha colonizzato giornali e televisioni addirittura più della Legge Elettorale, tra l’altro firmata ieri da Sergio Mattarella. Stiamo parlando della sentenza della Consulta che ha bocciato la riforma Fornero, che prevedeva il blocco delle rivalutazioni sulle pensioni superiori a tre volte la minima. Il problema economico per il bilancio dello Stato c’è ed è reale, ma iniziano ad uscire le prime indiscrezioni sulla strategia che userà il Governo per rimborsare gli oltre 6 milioni di pensionati interessati dal blocco della perequazione.

 

UNA SENTENZA DESTINATA A FAR DISCUTERE – La sentenza di Giovedì 30 aprile sta surriscaldando nuovamente gli animi politici. La Corte Costituzionale ha definito incostituzionale la norma con cui la Fornero aveva deciso di bloccare la rivalutazione delle pensioni superiori a tre volte la minima.

– Una misura che avrebbe garantito un risparmio di 5 miliardi di euro per il biennio 2012-2013 e risparmi, da qui al 2020, di ben 80 miliardi di euro. Insomma, una norma pesante a livello economico che portava benefici nel bilancio dello Stato.

– Benefici prontamente annullati dalla Consulta che ha dichiarato incostituzionale la norma e che ha scatenato il balletto politico su colpe e soluzioni.

 

I DUBBI DI ZANETTI E LA RISPOSTA DI PALAZZO CHIGI – “È impensabile rimborsare chi ha pensioni fino a sei-otto volte la minima”. Le parole pronunciate ieri da Enrico Zanetti, sottosegretario all’Economia, hanno fatto discutere fino ad aprire un vero e proprio caso.

– Un episodio spiacevole per Palazzo Chigi che con una nota ufficiale ha chiarito che l’opinione di Zanetti è stata espressa a nome di Scelta Civica e non a nome del Governo, precisando che “valgono solo le parole del ministro Pier Carlo Padoan”. Insomma, una nota che fa capire bene l’importanza e la delicatezza della questione.

– Lo stesso sottosegretario ha poi precisato che: “Non c’è antitesi con quanto detto da Padoan. Il tema di incostituzionalità si pone perché il blocco ha riguardato anche pensioni di importo relativamente basso, il che vuol dire che il rispetto della sentenza può avvenire anche attraverso una rimodulazione di quel blocco, andando a sbloccare quelle pensioni subito sopra tre volte la minima, la soglia individuata, ma anche non andando a toccare pensioni di molto superiori”.

 

L’IDEA ALLO STUDIO: RIMBORSO A PENSIONI MEDIE E A RATE – Nonostante la smentita di rito di Palazzo Chigi e la presa di posizione verso Enrico Zanetti, appare ben chiaro che il Governo cercherà di trovare una soluzione costituzionale che renda lecito rimborsare non tutti gli interessati.

– Giusto o sbagliato che sia, la base di partenza è questa. L’ha fatto capire Padoan quando ha spiegato che si troverà una soluzione che non farà saltare i conti pubblici e l’ha ribadito ieri anche Zanetti, il sottosegretario all’Economia.

– Il motivo è stato chiarito dalla Cgia di Mestre: restituire per intero la mancata perequazione sulle pensioni bloccate costerebbe allo Stato 16,6 miliardi di euro. Da restituire ci sarebbero 1.640 euro netti per chi ha una pensione tra 1.405 e 1.500 euro, fino ai 5.171 euro per chi prende una pensione superiore ai 3 mila euro lordi. Insomma, uno sproposito per chi deve stare attento ai decimali per non finire nelle procedure di infrazione europee.

– C’è da dire anche che in passato la Consulta non ha giudicato incostituzionale il blocco della rivalutazione per le pensioni alte, ad esempio su fasce 8 volte superiori al minimo e che corrisponde a circa 4 mila euro al mese. Seguendo questa logica, quindi, possiamo affermare con buona certezza che il rimborso riguarderà le pensioni medie e che, per agevolare il bilancio dello Stato, la restituzione avverrà a rate.

 

ENTRO UNA SETTIMANA LA RISPOSTA DEFINITIVA – Fonti del Governo hanno comunque voluto precisare che entro la fine di questa settimana o, al più tardi, per la metà della prossima il Governo troverà il modo di rispondere alla sentenza della Corte Costituzionale sulle pensioni.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Approvato l’Italicum, ecco come funziona la nuova legge elettorale, punto per punto

Rivalutazione pensioni Fornero, 6 milioni i pensionati coinvolti, ecco tutte le cifre

Fiducia Italicum Renzi, si spacca il Pd, grida e insulti alla Camera. Gli scenari possibili e la caduta del governo

Jobs Act, definiti i decreti attuativi, dal 1 marzo contratto a tutele crescenti e stop ai cococo e cocopro

Decreti attuativi Jobs Act, sintesi, punti fondamentali, analisi e spiegazioni

Approvazione Senato Legge di Stabilità 2015: analisi e sintesi punto per punto

Matteo Torti

7 COMMENTI

  1. salve,io ho solo come reddito la pensione, per colpa di questa legge,non ho dato l’adeguamento dell’assegno di mantenimento alla mia ex moglie negli anni 2012-2013, pensando che ,se lo stato non mi dà l’aumento,non dodrò darlo neanche alla mia ex moglie,invece mi ha citato tramite avvocato,a dare l’aumento come previsto che forse dovrò restituire,adesso anche la beffa dello stato,che non vuole restituire l’adeguamento ai pensionati,doppia beffa.

  2. Ma perché esiste il Modello ISEE con il quale lo Stato gestisce alcunii benefici ai cittadini? Ma non sarebbe questo il caso giusto per legarlo in qualche modo al problema dei rimborsi e delle rivalutazioni?
    Ci sono famiglie con una sola pensione da 2.000 Euro che è stata bloccata, e ci sono famiglie con due pensioni da 1400 Euro che non sono state bloccate. Ma nel Governo non c’è qualche testa che riesce a far girare le rotelline?

  3. Servirebbe più chiarezza: cosa si intende per "pensioni medie"? Dovrebbero poi indicarne il corrispondente importo netto mensile, perché la maggior parte dei pensionati non è in grado di sapere il lordo senza l'aiuto di un costoso commercialista, anche controllando il CUD INPS si rileva l'importo annuo (da dividere per 13 ? Non mi pare che la tredicesima sia perfettamente coincidente con una normale mensilità). Se il rimborso spettasse a tutti, il dubbio potrebbe essere solo sull'effettivo importo del rimborso, ma con queste notizie molto vaghe io, che ho una pensione media (con la quale devo mantenere anche mia moglie e per 6 mesi all'anno mio figlio che è un lavoratore stagionale), non so se avrò diritto al rimborso. Lo saprei con certezza se comunicassero con precisione il limite massimo del netto mensile o del lordo annuo.

  4. Una soluzione al problema : rimborsare il dovuto a tutti trovando corrispondente copertura mediante utilizzo della leva fiscale e cioè aumentando l'aliquota massima sui redditi alti (es. da 100- 150 mila euro in su', la cui aliquota è attualmente inferiore a quella praticata in tanti altri paesi europei meno disastrati del nostro) http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/SoleOnLine5/_Oggetti_Correlati/Documenti/Norme%20e%20Tributi/2013/01/tassazione-europa.pdf?uuid=022c224e-5645-11e2-90c1-2802a9a02636?uuid=AbqN7DHH

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here