Spacciatori minorenni davanti scuola, due studenti di 15 e 17 anni del liceo di Lambrate e di un istituto turistico rifornivano i coetanei

L’operazione è stata svolta dagli agenti del Commissariato Centro.

 

Protagonisti sono due spacciatori di soli 15 e 17 anni che avevano messo in piedi un business da migliaia di euro basato sullo spaccio alle persone più danneggiabili dall’uso delle sostanze stupefacenti: giovanissimi compagni di scuola e coetanei in generale.

 

Il traffico, attivo da almeno un anni, è stato smantellato ieri dagli agenti che, dopo una serie di indagini ed appostamenti, hanno arrestato gli spacciatori con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente

 

Il primo dei due adolescenti, S.P., 17enne incensurato, è stato raggiunto mentre usciva dal suo stabile di via Anfossi in sella allo scooter.

 

Il giovane stava andando a scuola, il liceo linguistico di Lambrate, con alcune dosi da 0,3 grammi di marijuana nello zaino, pronte per essere vendute ai compagni.

 

Nella cantina del suo palazzo, in un complesso di case popolari, gli agenti hanno rinvenuto altri 480 grammi della stessa sostanza che, venduta al dettaglio, avrebbe fruttato circa 7.200 euro.

 

Il secondo baby-spacciatore, L.B., 15 anni, abitante in un’altra zona della citta’ ma amico e “socio” del 17enne, e’ stato invece sorpreso mentre era circondato da un gruppo di cinque probabili clienti, tutti minorenni, tra cui un sicuro acquirente straniero di 18 anni segnalato in Prefettura.

 

Il giovane pusher, studente dell’istituto turistico in zona via Pompeo Leoni, era in possesso di 200 euro in confezioni di hashish, anche queste destinate in gran parte allo smercio all’esterno della scuola.

 


Leggi anche:

100 piante di marijuana via Buonarroti, Lady Maria riforniva soprattutto i giovani studenti

Arresto minorenne per spaccio, a soli 17 anni trovato con addosso 8 dosi di marijuana e un’intera serra nell’armadio di casa

Droga nella Playstation Novate, fratellini di 12 e 15 anni avevano occultato 66 dosi tra “i giocattoli” di casa

Smart drugs e smart shop, allarme a Milano e in Italia

Elogio dello spinello: farsi una canna fa davvero così male? Sentiamo le risposte dei medici

Droga e alcool per tutti in piazza Castello, 1 maggio 2010 “Siamo tutti responsabili: l’indifferenza è un crimine”


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here