Ordinanza 70 Km/h slitta a giovedì 17 febbraio, attiva per tangenziali, provinciali e autostrade

IL PROVVEDIMENTO – La giunta provinciale ha esaminato ieri l’ordinanza che prevede la riduzione della velocità di 20 chilometri orari sulle tangenziali e sulle strade a grande scorrimento. Oggi tale ordinanza sarà firmata da Podestà e, oltre alle tangenziali est, ovest e nord sono quattro le strade interessate dal provvedimento:

 

 

 

  • Rho-Monza,
  • Val Tidone,
  • Paullese,
  • Milano-Meda (quest’ultima vedrà una riduzione di 10 chilometri orari rispetto ai limiti di 80).

 

LA NOVITA’: CI SONO ANCHE LE AUTOSTRADE –

  • La novità è che Palazzo Isimbardi ha inviato una richiesta al prefetto ed ai gestori per far sì che l’ordinanza si applichi anche ai tratti autostradali che attraversano il milanese;
  • quasi sicuramente Serravalle accetterà la proposta, più difficile invece che venga accolta favorevolmente dagli altri gestori.

 

 

LA SEGNALETICA

  • Uno dei motivi che hanno causato il ritardo dell’entrata in vigore dell’ordinanza, inizialmente prevista per martedì 15 febbraio, è l’aumento dei tempi per la posa della segnaletica.
  • L’eccezion riguarda solo per le tre tangenziali interessate, dove il nuovo limite verrà comunicato tramite i monitor elettronici di Serravalle.

 

 

QUANDO FINIRA’? – Come affermato dal Presidente della Provincia Giovanni Podestà, il provvedimento non durerà fino alla metà di aprile, bensì si protrarrà fino alla fine del periodo di emergenza: “Queste misure che il 9 febbraio hanno ottenuto all’unanimità il consenso dei Sindaci del milanese convocati a Palazzo Isimbardi, sono da ritenersi di carattere transitorio e rimarranno in vigore limitatamente al periodo di emergenza ambientale causato dall’innalzamento del Pm10 e di altri inquinanti”.

 

 

CONTROLLI E MULTE

  • L’idea è quella di avviare l’ordinanza in modo “soft” con controlli, nei primi due o tre giorni, per consentire agli automobilisti di abituarsi al nuovo provvedimento per arrivare, poi, ad elevare multe anche attraverso i rilevatori di velocità.
  • Il problema autovelox è sollevato dal vicesindaco di Milano Riccardo De Corato: Sulle tangenziali, infatti, gli autovelox non ci sono. Chi controllerà?
  • Restano i dubbi sul momento meteorologico in cui è stata definita l’ordinanza: il provvedimento, infatti, entrerà in vigore durante la prossima settimana, proprio quando il tempo cambierà ed inizieranno le piogge che, inevitabilmente, faranno diminuire il livello del Pm10 e degli altri inquinanti.

 

 

Per l’ultimo aggiornamento, il dettaglio delle strade coinvolte, il decadimento dell’ordinanza all’interno della Cerchia dei Bastioni e il mantenimento delle limitazioni d’accesso per i veicoli commerciali dalle 7,30 alle 19,30, CLICCA QUI



Leggi anche:

Limiti velocità Milano, 70 km/h oppure multe fino a 296 euro

Smog oltre limiti durante blocco, De Corato: il vero problema sono le caldaie

Multa smog Milano: la sanzione Ue va allo Stato Italiano, non a Milano che, nella classifica di Legambiente, è all’11esimo posto dopo Napoli e Torino

Blocco auto fino mercoledì 9, deroghe per residenti che pagano Ecopass

Blocco auto da lunedì 31 gennaio, fase 2 piano antismog al via, dettagli, deroghe e multe

 

Matteo Torti

1 COMMENTO

  1. Che vergogna!! Non si rendono conto che devo innalzare il limite minimo e non abbassare il limite massimo !!!! Nell’ora di punta hanno fatto il calcolo di quante auto sono quasi in sosta in tangeziale e nelle provinciali per i vari imbuti??? quanto inquina un’autovettura al minimo ferma nello stesso punto per più di 5 minuti ogni 10 mt moltiplicato per quante macchine accedono a Milano??? Cosa fanno abbassano il limiti!!!! Cissa se le Auto BLU lo rispetteranno !!! Ah già dimenticavo la legge è uguale per molti ma non per tutti!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here