Bancomat clonati Milano, Polizia arresta 6 stranieri

Gli agenti del Commissariato Centro hanno sventato un’organizzazione che clonava carte di credito direttamente dagli sportelli bancomat delle banche milanesi.

 

IL BANCOMAT IN VIA SAPETO – Durante il servizio di controllo del territorio, gli agenti del Commissariato Centro hanno notato che l’apparecchiatura del prelievo Bancomat di un istituto di credito in via Sapeto era stato manomessa con l’applicazione di una tastiera e un lettore di dati delle bande magnetiche.

 

L’ARRESTO DEI MALVIVENTI – Dalla successiva attività di osservazione, gli agenti hanno notato due persone, Orlin Todorov Georgiev, 37enne, e Ivaylo Georgiev Paunov, 42enne, entrambi bulgari, che, più volte e separatamente, passavano nei pressi del bancomat controllandolo con attenzione.

  • Secondo quanto emerso dopo avere effettuato alcuni giri in auto assieme, il 37enne, sceso dalla vettura, ha cercato di rimuovere l’apparecchiatura fraudolenta.
  • I due bulgari sono stati quindi fermati e, a bordo dell’auto condotta dal Paunov, è “stata identificata una 19enne bulgara, Irina Paunov, figlia del conducente e successivamente arrestata.

 

IL LABORATORIO DOVE AVVENIVA L’ATTIVITA’ CRIMINOSA – Successivamente sono scattate le perquisizioni domiciliari negli appartamenti dove i tre erano domiciliati, in via Voghera e in via Bolzano. Proprio quest’ultimo era un vero e proprio laboratorio al cui interno vi hanno fatto accesso altri due bulgari, anch’essi poi arrestati: Nedyalko Rosenov Andreev, del 1967, e Iliandel Petkovdel, del 1979. In tale abitazione sono stati rinvenuti e sequestrati:

  • 10mila euro, tastiere e consolle di alloggiamento degli skimmer;
  • congegni elettronici in grado di carpire le numerazioni delle carte di credito/debito;
  • un lettore-scrittore di bande magnetiche di carte di pagamento;
  • 5 pc notebook;
  • 3 hard-disk di memoria digitale,
  • numerose chiavi usb;
  • 2 pezzi originali di bancomat tagliati e rappresentanti le fessure di ingresso degli sportelli, utilizzati probabilmente come calco per creare le maschere skimmer;
  • vari utensili per l’assemblaggio dei componenti;
  • diverso materiale cartaceo con indirizzi di banche locali.

 

IL COMPLICE IN HOTEL – Anche un 39enne macedone, Igor Dimov, 39 anni, che si aggirava con un pc nei pressi dell’istituto bancario, è stato arrestato poiché all’interno della stanza d’hotel dove alloggiava, nel corso della perquisizione, sono stati rinvenuti e sequestrati:

  • 3mila euro;
  • 9 carte di credito false;
  • 2 pc;
    30 tessere con microchip pronte per essere clonate.

 

LE ACCUSE – Per gli stranieri l’accusa è di truffa informatica e violazione delle disposizione delle norme antiriciclaggio

 

Leggi anche:

Rapinatore banca si addormenta ubriaco nel vano bancomat, via delle Frasche

Arrestato rapinatore di bancomat Paullo, i Carabinieri hanno inseguito l’intera banda

Rapinato bancomat via Padova 256, l’hanno fatto esplodere rubando 80 mila euro

Rubato bancomat via Adelchi, è stato smurato con un argano e poi lasciato per strada

Via Rizzardi, trovate 2 casseforti bancomat intatte, in un furgone abbandonato. Erano state rubate il 10 aprile

Bancomat clonati via Marcona ufficio postale


di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here