Furto cappotto via Spiga, indagata rumena ma fuggito complice

La sfortuna non ha ancora smesso di girare tra le vetrine del lusso milanese, e i negozi sono ancora le prime vittime mietute.

 

Questa volta è il turno della prestigiosa boutique Martin Margela di via della Spiga dove alle 14.00 di ieri, tra clienti abituali e turisti danarosi, si è infiltrata una coppia di malviventi: una ragazza 26enne originaria della Romania con precedenti specifici e un complice.

 

I due, contando su movimenti lesti e grande spregiudicatezza, hanno scelto di rubare niente meno che un cappotto, un capo griffatissimo e decisamente molto caro: circa 1.500 euro la cifra riportata sul suo cartellino.

 

Tuttavia, come sempre, i ladri non hanno considerato tutti i dettagli e, il furto, è stato completamente ripreso dalle telecamere interne di videosorbeglianza, monitorate dal vicedirettore della boutique.

 

Proprio il vicedirettore è quindi intervenuto per bloccare la coppia e, se il complice è riuscito a fuggire, la 26enne è stata invece bloccata e denunciata a piede libero.

 

Leggi anche:

Truffa Quadrilatero acquisto palazzo da 55 milioni di euro, arrestato Drago Dragutinovic

Rapina gioielleria Scavia via Spiga, rubati 5 milioni di euro in gioielli

Incendio doloso alla gioielleria Chopard di Via della Spiga

Furto orologio Montenapoleone Louis Vuitton

Rapina 30 Rolex gioielleria corso Vercelli, il malvivente aveva un coltello, una pistola, un martello e forse una bomba

Shopping da Gucci con 7 carte di credito clonate, arrestato cittadino malese

14 carte clonate Montenapoleone, fermati 5 stranieri


Di Redazione

1 COMMENTO

  1. parlano sempre dei furti nelle zone piu’ importanti di milano….dove girano i”ricchi”….ma in stazione centrale non parlano mai.
    negli ultimi 4 giorni tre furti….noi chi siamo i poveri??????
    in un anno ci sono stati diversi furti e addirittura aggressioni, molte denunce ma il disagio non diminuisce…aumenta.
    inaugurazione della linea veloce con berlusconi nel 2009 a dicembre….via i barboni, sembrava una stazione sicura all’occhio del telespettatore.il tempo che se ne andava e sono tornati tutti.
    all’inaugurazione con la moratti e tettamanzi addirittura oltre ai barboni via anche i cestini dell’immondizia.
    ti minacciano, ti insultano e fanno i bisogni negli ascensori dei negozi.
    parlate anche di questo, o almeno leggetelo.siamo anche noi “ricchi” di voglia di lavorare e siamo aperti 365 giorni su 365.vorremmo essere liberi di uscire dal lavoro e non essere avvicinati da disadattati, tossici o ubriachi, liberi di vivere in serenita’ con una famiglia che ci aspetta a casa.grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here