Affittopoli Milano, dimessi membri cda del Trivulzio

“So che ci sono state le dimissioni di 5 dei 7 membri del consiglio di amministrazione”. Ha riferito il Sindaco Letizia Moratti, a margine della presentazione delle celebrazioni per l’Unita’ d’Italia, riguardo al Pat.

 

“Esprimo soddisfazione rispetto a questo perche’ nei giorni scorsi avevo parlato con i membri del cda per spiegare che un passo indietro avrebbe consentito all’ente di poter avere una discontinuita’ rispetto a questo problema che, drammaticamente, si e’ creato, e rispetto al quale noi abbiamo il dovere ma, anche, il diritto di chiedere la massima trasparenza con la massima tempestivita’, per una operazione di giustizia”, ha aggiunto il Sindaco a Palazzo Marino, a margine della presentazione delle celebrazioni per l’Unita’ d’Italia, e secondo cui il passo successivo “dovra’ essere il commissariamento”.

 

“Noi – ha sottolineato Letizia Moratti rispondendo alle domande dei giornalisti – congiuntamente al presidente della Regione decideremo quali saranno i passi successivi. Credo che il passo successivo, ma lo decideremo naturalmente con il presidente Formigoni, dovra’ essere il commissariamento, anche perche’ credo che questo sia l’iter previsto. Lo decidero’ con il presidente Formigoni, come ho deciso in questi giorni i passi che ci hanno portato alla decisione odierna dei vertici”.

 

Leggi anche:

Emilio Triaca commissario Trivulzio Milano, ecco i suoi incarichi

Liste affittopoli Milano: giornalisti di Repubblica e l’Unità Golgi Redaelli; spunta il presidente del Tribunale Livia Pomodoro negli elenchi di Aler

Affittopoli Milano, Lega ha firmato il 44% dei contratti “Si assuma responsabilità”

Affittopoli Milano commissariamento avviato, Formigoni valuta chi sostituirà Cda Pat

Affittopoli, direttore generale Trivulzio Fabio Nitti non si dimette: “E’ una gran montatura”

Affittopoli Milano, liste appartamenti vip anche del Policlinico

Di Redazione

2 COMMENTI

  1. i cinque membri che si sono dimessi non sapevano niente? povere bestie, e la signora sindacessa che entrando a gamba tesa li ha fatti dimettere nemmeno lei sapeva niente? ma questi credono che tutti gli Italiani sono dei deficienti per fortuna ne sono solo la metà

    • Faccio parte di “quell’altra metà” e non mi sento affatto deficiente, tutt’altro. Tutti possono esprimere la propria opinione su quanto accaduto, ma ciò non dovrebbe implicare essere maleducati e offensivi. Soprattutto se ci si indigna per predicare implicitamente l’uguaglianza e la solidarietà (valori con i quali mi trovo d’altronde perfettamente in sintonia). Grazie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here