Polizia negozio alimentari etnici via Settembrini Milano, sequestrati 400 prodotti con scritte arabe non tradotte

Durante i controlli per il progetto MangiaSicuro, il Nucleo Annonaria della Polizia Locale ha sequestrato circa 400 di igiene e cosmetici esposti in un minimarket  etnico di via Settembrini, dove si vendeva merce proveniente dallo Sri Lanka, India e Africa.

 

Parte dei prodotti recava indicazioni in lingua non italiana, tra cui l’arabo, mentre parte si presentava priva di riferimenti di provenienza o di scadenza.

 

Il titolare, un bengalese di 43 anni, è stato multato per  516 euro.

 

Nello stesso negozio, nell’ottobre scorso, erano stati già sequestrati 100 kg di alimenti (thè, spezie, latte per bambini e generi alimentari) poiché privi di etichettatura in lingua italiana.

 

In quell’occasione l’extracomunitario era stato multato per 3.166 euro.

 

Non è accettabile – spiega il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato – che prodotti venduti a Milano non rechino le necessarie indicazioni in lingua italiana. Le scritte incomprensibili possono creare confusione o peggio comportare problemi di sicurezza per la salute. Senza considerare che il titolare era recidivo ed era stato già sanzionato per la stessa violazione. Eravamo abituati ai prodotti importati dalla Cina senza il marchio di garanzia dell’Unione europea. Ma vediamo che è un’abitudine anche di altri stranieri”.

 

“L’operazione – sottolinea il vicesindaco – è stata effettuata nell’ambito dei controlli MangiaSicuro. Controlli di questo genere portano alla luce non solo violazioni agli standard igienico-sanitarie riscontrate negli esercizi pubblici cittadini che somministrano bevande e alimenti, ma che scoperchiano irregolarità che si presentano anche in altri negozi, come i minimarket, dove i controlli sono importanti per preservare la sicurezza”.

 

Leggi anche:

Sequestro Le Scimmie Navigli Milano, sigilli all’area spettacoli del locale in via Ascanio Sforza 49

Sushi bar con anatre sgozzate e piumaggio sporco di fango e feci in via Calusca, zona Ticinese. Il titolare è un cinese

sequestro alimenti scaduti Pantigliate, 50 tonnellate in un magazzino con annesso punto vendita

Chiuso ristorante etnico via Barrili, invito a cena con la blatta

Sequestro 20 chili di alimenti ristorante cinese via Farini: quando un involtino non fa primavera

Sequestrato Roxy bar via Pomposa zona Corvetto, cibo scaduto conservato tra scarafaggi e liquami, e posti letto nello scantinato

Sequestro ristorante egiziano via Cenisio, alimenti conservati tra scarafaggi e liquami vari

sequestro alimenti scaduti Pantigliate, 50 tonnellate in un magazzino con annesso punto vendita

Ristorante cinese sequestrate cozze putrefatte ed altri alimenti

Ristoranti a Milano: menu con vermi, ma i clienti non lo sanno e continuano a mangiare

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here