Bomba molotov bar via Golgi, Lambrate, arrestato Salvatore Mongiardo

La vicenda è accaduta in via Camillo Golgi, zona Lambrate.

 

Qui un cittadino cinese di 54 anni ha acquistato un bar impegnandosi a pagare 150mila euro ma, incontrando forti difficoltà economiche per continuare a provvedere alle cambiali contratte, ha cercato di rivendere il locale ai precedenti titolari, italiani.

 

A questo punto è comparso nelle trattative Salvatore Mongiardo: 36 anni, originario della Calabresi ma residente a Milano, con precedenti per:

  • ricettazione;
  • resistenza;
  • violenza a pubblico ufficiale;
  • detenzione illegale di armi e di oggetti atti a offendere;

 

Mongiardo si è fatto quindi avanti offrendo al cinese di comprare il locale per 30mila euro, offerta che il titolare ha subito rifiutato.

 

Da qui la vendetta del 36enne che, per punire il cinese, ha costruito una bomba molotov e durante la notte del 13 gennaio l’ha lanciata all’interno del bar, provocando un ingente danno economico ma, fortunatamente, nessun ferito.

 

Scattate immediatamente le indagini ad opera degli investigatori del commissariato Lambrate, Mongiardo è stato arrestato lo scorso venerdì in via Palizzi, presso la propria abitazione: il pluripregiudicato sarebbe stato visto e successivamente riconosciuto da un passante proprio mentre compiva il reato. In sede di identificazione ruolo fondamentale è stato svolto da un’evidente cicatrice che Mongiardo ha sulla guancia sinistra.

 

Ora le accuse per Mongiardo, verso il quale è stata eseguita  un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, sono incendio doloso e detenzione illegale di armi.

 

Leggi anche:

Esplosione edicola Barona, via Santa Rita da Cascia

Incendiato chiosco fiori Parabiago, intimidazione al presidente Sos Racket e Usura Frediano Manzi

Incendio auto via Baroni, Tertulliano e Gonin – tre roghi appiccati in una sola notte

Cesano Boscone, arrestato mentre cosparge di benzina alcune auto in sosta

Via Sismondi, un rogo inghiotte 3 veicoli intestati alla stessa persona

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here