Autista picchiato da tassisti Milano perché ritenuto abusivo, polemica tra tassisti e servizio noleggio con conducente

E’ successo alle 5 del mattino di sabato 19 febbraio in largo La Foppa.

 

 

 

 

 

 

 

IL SERVIZIO DELLA DISCORDIA

  • Tutto è iniziato perché una società con servizio noleggio con conducente, la Citycab, è stata ingaggiata dalla discoteca Divina, in via Molino delle Armi, con l’intento di fornire un servizio in più ai propri clienti: essere riaccompagnati a casa dopo aver bevuto troppo.
  • Ma c’è di più: e oltre alla comodità di avere un’auto che ti riporta tranquillamente a casa, la vettura in questione non è un veicolo qualsiasi, ma un divertente, tipico modello di Cab Londinese della Austin che, a bordo, presenta una gamma di succhi di frutta, bibite, acqua, spuntini e persino giornali ai propri clienti. Insomma: un concorrente fin troppo allettante rispetto ai “semplici” taxi che si è abituati a prendere ogni giorno.
  • La goccia che ha fatto traboccare il vaso, infine, è che scopo e dovere dei cab è rimanere a disposizione del cliente in una zona funzionale e visibile, come ad esempio l’entrata della discoteca: un luogo invece vietato ai tassisti che vedono quindi, preceduti, nell’offerta.

 

L’AGGRESSIONE ALL’AUTISTA – Per tutto questo, ci è andato di mezzo un autista che, giunto all’altezza di largo La Foppa, è stato vittima di una vera e propria aggressione.

  • Secondo quanto ricostruito, infatti, l’uomo sarebbe stato inizialmente insultato, dopodiché, una volta sceso a seguito di un colpo sferrato contro la vettura, sarebbe stato accerchiato da numerosi tassisti che lo avrebbero picchiato fino a farlo finire a terra;
  • sopraggiunti i soccorritori del 118, la vittima è stata portata in ospedale e, dopo aver ricevuto le necessarie cure mediche, ha sporto denuncia alla Polizia;
  • sul luogo del pestaggio è arrivata anche la Polizia Locale.

 

IL COMMENTO DI CITYCAB –

«Il nostro servizio” ha commentato Massimo Viecca, amministratore delegato di Citycab “non si sovrappone in alcun modo al lavoro svolto dai taxi”;

«Abbiamo subìto altre intimidazioni” aggiunge John Bandieramonte, responsabile del servizio “ma c’è un equivoco: non siamo né tassisti né abusivi, ma forniamo un servizio noleggio con conducente ai privati. La persona aggredita è un professionista con documentazione in regola».

 

LA REPLICA DEL SATAM, SINDACATO TASSISTI E ARTIGIANI – «La violenza è da condannare a prescindere” replica Nereo Villa, segretario generale del Satam, sindacato tassisti e artigiani, “ma noi faremo un esposto al Comune per chiedere se l’attività svolta da queste società è lecita». E precisa: “Un conducente di auto a noleggio non può stazionare in strada in attesa dei clienti come fanno i taxi. Detto questo, se i tassisti pensano che un autista stia facendo il tassista abusivo, non devono certo picchiarlo ma chiamare i vigili”.

 

Leggi anche:

Rapinato tassista piazza Sonnino, l’hanno afferrato per il collo e derubato

Rapina tassista via Aicardo, punta coltello alla schiena ma la vittima spruzza spray urticante

Tassista rapinato via Pacini, il ladro gli ha puntato addosso la pistola

Rapinato tassista via Grassi, Quarto Oggiaro, l’hanno aggredito in quattro, presumibilmente nomadi

Piazza Loreto, rapina con coltello

Via Melchiorre Gioia: rapina un tassista intimandogli “Dammi i soldi o sparo”

Tassista impedisce violenza sessuale a minorenne in piazza Piemonte

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here