Lettera bambino rom costretto a prostituirsi da genitori, orrore e abusi iniziati quando Stefan aveva 6 anni

L’incubo di Stefan era iniziato quando il bimbo aveva appena 6 anni e i genitori, i nomadi Vasile Caldararu e Floarea Pomana, iniziarono a costringerlo a prostituirsi in zona Cimitero Monumentale e all’interno del campo nomadi dove vivevano.

 

 

 

L’OBBLIGO DI PROSTITUIRSISecondo quanto emerso dalle indagini:

  • i genitori non avevano mancato di dipingergli le unghie dei piedi e delle mani con smalto rosso, e fagli crescere i capelli “per renderlo più attraente”, cedendolo ogni sera a sconosciuti al fine di ricavare soldi dalle prestazioni sessuali subìte dal piccolo.
  • Inoltre, era lo stesso padre a portare il bimbo all’interno delle capanne del campo, dove anche gli altri bambini erano costretti a subìre abusi sessuali da adulti e, Stefan, veniva legato e violentato prima che la madre ritirasse il danaro.

 

IL RAPIMENTO DAI SERVIZI SOCIALI E LA CONDANNA AI GENITORI

  • Stefan venne trovato a prostituirsi in viale Toscana e quindi prelevato dai Servizi Sociali; purtroppo, non ancora in pace, il bimbo fu rapito dalla comunità di accoglienza da 3 nomadi e riportato a forza dai genitori, che progettavano una fuga per sparire oltre confine;
  • al termine di un iter processuale passato attraverso una condanna a 3 anni poi annullata dall’indulto, i due genitori vennero infine condannati a 18 anni di carcere.

 

LA LETTERA – Ora Stefan, che nel frattempo ha 13 anni e un presente difficilissimo a causa delle terrificanti esperienze subìte, è stato adottato da una nuova famiglia e i giudici, a seguito della sentenza emessa, ne hanno reso noto ieri le motivazioni. In tal senso, fondamentale è stata una lettera che ha scritto il bambino, nel 2008, ai propri genitori:

  • «Cari genitori devo dirvi che vado in adozione; per le cose che mi avete fatto, le cose che a un bambino non bisogna fare. Andare al semaforo e chiedere i soldi e di sera portando alle persone che non conosciamo tutti i bambini piccoli e facendo sesso con loro per dare i soldi».

 

IL COMMENTO DEL VICESINDACO E ASSESSORE ALLA SICUREZZA DI MILANO

  • “Il caso del bimbo rom Stefan e la lettera scritta ai genitori è un pugno nello stomaco – ha detto Riccardo De Corato, – che dovrebbe scuotere le coscienze. Ma i buonisti di sinistra e centrosinistra e un certo mondo dell’associazionismo cattolico sanno indignarsi solo quando Comune e Prefettura fanno gli sgomberi. Sugli orrori di quello che avviene all’interno della comunità rom cala il silenzio”.
  • “Mi chiedo – prosegue De Corato – quanti altri casi Stefan ci siano e di cui nulla sappiamo. Solo ieri abbiamo appreso che due ragazzini romeni venivano mandati a rubare di giorno e a prostituirsi di notte tra Monza e Cinisello. Un’appendice della maxi inchiesta Fata (circa 100 indagati per la maggior parte romeni) avviata grazie al contributo della Polizia Locale di Milano. E che aveva svelato gli orrori di rapimenti negli orfanotrofi di Bucarest e dintorni di minorenni poi mandate sulle strade di Milano e hinterland. Squarci di violenze come quelle commesse  in un campo abusivo, in via Guascona. Dove solo grazie ai vigili nell’ aprile 2009 è stata salvata una diciottenne rom violentata e drogata, perché si rifiutava di andare a rubare. Ed era sul punto di essere venduta a dei connazionali per essere avviata alla prostituzione. Dove sono i sepolcri imbiancati pronti a scandalizzarsi se si smantellano baraccopoli dove bimbi rom vivono tra topi e amianto e non aprono bocca su simili orrori?”.

 

Leggi anche:

Condanna genitori Stefan, il bimbo Rom costretto a prostituirsi a 6 anni

Condanna padre ragazza rom costretta in schiavitù, 7 anni

Processo rom costretta a rubare e drogarsi, chiesti 20 anni per il padre

4 bambini rom svaligiavano case, De Corato: “Chi non si piega alla volontà dei capibastone può finire ammazzato di botte, come già accaduto”

Campo-nomadi di via Martirano, trasferiti in una comunità protetta 4 bimbi rom

Pronuncia del magistrato per i bimbi rom di 5 anni trovati abbandonati, ieri, in Via Ardissone

Fermato rom campo via Rubattino per sequestro di persona, tentata violenza sessuale e rapina, aveva sequestrato due donne e una sedicenne

Tentato stupro di 7 rom contro 3 ragazze nomadi, aggredite e picchiate con calci e pugni

Rissa campo nomadi via Barzaghi con bastoni, schiaffi e pugni

Processo transessuali, condannati i rom che picchiavano ed estorcevano danaro ai trans in via Novara


Di Redazione

1 COMMENTO

  1. In questo caso ci sono nette assomiglianze con casi descritti nel libro Rapita dalla Giustizia e nella raccapricante causa Scozzari/Giunta contro italia, conducibili al plagio (riduzione alla schiavitù totale psicologica) del bambino. quali verifiche sono state fatte per controllare se il bambino non è stto ridotto nella sindrome PAS o nella dipendenza del tipo settario dai propri affidattari, assitenti sociali e la famiglia adottiva?
    La lettera del bambino è troppo forzata, sembra che è stata dettata (guardi il caso Scozzari/Giunta – anche li i bambini si ripudiavano dalla propria madre però appena hanno avuto un attimo di libertà, hanno detto di volerla vedere).

    Anni fa il bambino voleva stare con genitori, adesso non vuole – ciò non è del tutto normale. Direi spaventoso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here