Rapine Milano immigrati, ieri 5 rapine in 24 ore eseguite da immigrati, in piazza Duomo, via Pavia, Massarenti, Mac Mahon e Bergognone

Ieri in sole 24 ore sono stati compiuti 5 episodi di criminalità predatoria che hanno visto protagonisti immigrati di origine nordafricana:

 

 

 

 

 

  • un egiziano di 17 anni ha rapinato degli studenti presso un fast food di piazza Duomo;
  • un nordafricano ha scippato in via Pavia una studentessa;
  • due nordafricani hanno rapinato in ascensore un 78enne in via Massarenti;
  • un nordafricano ha rapinato una donna in via Mac Mahon;
  • due nordafricani hanno rapinato per strada un 71enne in via Bergognone.

 

“Visti in un quadro più ampio, tali episodi confermano come la componente straniera africana incida particolarmente sulla sicurezza di Milano, visto che nei primi tre mesi dell’anno su 478 stranieri fermati per reati che destano allarme sociale, 119 sono africani,” ha detto il vicesindaco di Milano e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

 

“Naturalmente – prosegue De Corato – la clandestinità è un fattore che pesa moltissimo sulla sicurezza, se si pensa che nelle città del Norditalia (dunque anche a Milano) fino a 8 reati su 10 tra extracomunitari sono commessi da irregolari come ha rilevato il capo della Polizia di Stato Antonio Manganelli. E i dati Ismu dicono che i furti operati da irregolari, per esempio, sono 45 volte superiori rispetto a quelli degli italiani.

 

“La strada e i delitti da strada si confermano il terreno principale di azione – sottolinea ancora il vicesindaco. – Basterebbe ricordare altri due aspetti. Lo spaccio per esempio: i dati della Questura dicono che è in mano ad africani. Nelle prime 5 posizioni per pusher arrestati, infatti, ci sono tunisini, egiziani, marocchini e gambiani. Inoltre, le violenze sessuali. Se è vero che 9 su dieci sono commesse da stranieri, 1 su 2 (tra stranieri) vede autori africani. E non stupisce che il primo responsabile di stupro del 2011 (arrestato) fosse un tunisino”.

 

Milano – conclude de Corato – ha fatto molto per la sicurezza. E lo dicono i dati: negli ultimi 4 anni le violenze da strada sono diminuite dell’80%, le rapine del 40%. E anche lo spaccio è calato del 20% negli ultimi 2 anni, periodo in cui i reati sono crollati del 48%. Ma questi brillanti risultati rischiano di subire un rallentamento o, peggio, un’inversione di tendenza, se la città dovesse essere travolta da flussi incontrollati di soggetti provenienti dal Maghreb, che minerebbero ulteriormente la sicurezza cittadina”.

 

Leggi anche:

Arresto baby gang piazza Duomo, saltano scuola per rapinare coetanei e spendere refurtiva in bibite e panini

Reati in calo Milano, uscito il Bilancio Sicurezza 2010

Allarme immigrazione Milano, De Corato: Collaborazione con Stati europei e controlli con i soldati dei CIE


di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here