Manifestazione paninari Bastioni porta Venezia Milano, appello a De Corato e Maullu per risolvere la situazione

Le proteste erano scoppiate lo scorso febbraio, contestualmente all’annuncio dell’inasprimento delle pene attribuite ai venditori ambulanti come previsto dalla Legge regionale 3/2011, Modifica alla L.R. 6/2010 Testo Unico leggi regionali in materia di commercio.

 

Attualmente – aveva spiegato De Corato – la legge regionale n.6 del 2010 in materia di commercio e fiere, prevede una sanzione di 1.000 euro per autonegozi e ambulanti autorizzati che violino le disposizioni previste sul commercio in forma itinerante. Un deterrente poco incisivo per un fenomeno che ha alti tassi di recidiva”.

 

“La modifica più rilevante del Testo Unico delle leggi sul commercio – aveva proseguito l’assessore regionale della Lombardia al Commercio, Turismo e Servizi Stefano Maullu – riguarda l’introduzione della confisca dell’automezzo e l’estensione della confisca della merce come sanzione per tutte le infrazioni relative al commercio su aree pubbliche. Tale provvedimento sarà esteso anche a coloro che abusivamente estenderanno per più di un terzo la superficie autorizzata e a chi eserciti l’attività per oltre trenta minuti rispetto al termine previsto dall’autorizzazione. Le modifiche assecondano le legittime richieste della Polizia Municipale e dell’Associazione di categoria degli ambulanti. Siamo certi che costituiranno un duro colpo al fenomeno dell’abusivismo”.

 

“Il testo, già licenziato dalla commissione commercio della Regione, previo passaggio in Consiglio, sarà presumibilmente Legge questa primavera – aveva concluso De Corato. – E prevede esplicitamente, oltre alla sanzione, anche la confisca della merce e dell’attrezzatura, intendendo per attrezzatura anche il veicolo utilizzato nell’esercizio illecito del commercio itinerante”.

 

Decine e decine le proteste e le domande sollevate successivamente dai “paninari”, che hanno chiesto un tavolo di confronto a Comune e Regione per giungere a soluzioni efficienti per entrambe le parti.

 

In questo senso, la manifestazione di stamattina è la seconda organizzata dalla categoria, a seguito del primo corteo svoltosi lunedì 21 febbraio 2011 e un’iniziale considerazione del vicesindaco De Corato rispetto alle problematiche portate in evidenza.

 

Davvero toccanti, intanto, le testimonianze portate dai lavoratori della categoria, tra le quali: “Sono stanco di non lavorare” spiega un italiano di 50 anni, “mi sento impazzire e non so come pagare i miei debiti. Sono arrivato alla fine; l’unica cosa che mi rimane? Morire”.

 

Per leggere tutti i commenti sull’argomento e prendere parte alla discussione, CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Nuove pene ambulanti abusivi, registrate 3357 sanzioni in un anno

Manifestazione paninari ambulanti Milano, lunedì 21 febbraio ore 9, dal Pirellone a Palazzo Marino

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here