Arresto abusivo corso Buenos Aires Milano per merce contraffatta e via Gallaratese per spaccio di eroina

La Polizia Locale, in servizio di  controllo su Corso Buenos Aires in abiti civili, ha arrestato presso la fermata della metropolitana Porta Venezia un clandestino senegalese di 26 anni per vendita di merce contraffatta e resistenza.

 

Secondo quanto comunicato dal vicesindaco e Assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato, infatti, l’irregolare si sarebbe opposto al fermo con violenza, e ha poi fermato un connazionale clandestino venditore abusivo in piazza Argentina.

 

Da accertamenti è risultato che il 26enne aveva a carico un ordine di carcerazione, in quanto doveva scontare una condanna di 5 mesi di reclusione.

 

In più gli agenti, in servizio in abiti civili in via Gallaratese, hanno sorpreso uno spacciatore marocchino di 26 anni mentre cedeva alcune dosi di droga, presumibilmente eroina.

 

Il pusher è stato arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Grazie alla capillare presenza della Polizia Locale sul territorio cittadino – commenta il vicesindaco De Corato – è possibile intervenire tempestivamente. Un impegno quotidiano a 360 gradi che ha contribuito al calo dei reati del 48% nell’ultimo biennio”.

 

Leggi anche:

pugni De Corato – ambulante aggredisce vicesindaco in Sant’Alessandro fuori da un bar

Borse false Prada Piazza Castello, abusivo tenta di sfuggire alla Polizia e sferra due pugni a un agente

Spray peperoncino vigili Milano, iniziata sperimentazione

Gucci e Louis Vuitton falsi in corso Buenos Aires, multe e arresti per merce taroccata

Arresto ubriaco Cadorna Milano, ha buttato della birra in faccia a una vigilessa

Vigili aggrediti da abusivi mercato via Fauché, la prognosi è di 4 e 10 giorni

Vigilessa aggredita da un abusivo al mercato delle pulci di Bonola

Concerto Ligabue San Siro, venditore abusivo spacca a sassate il finestrino di una volante, gli avevano sequestrato la merce

vigili aggrediti via Dante da mendicante rumeno con calci, pugni e morsi

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here