Arresto spacciatori piazza Morbegno e parco Sempione Milano, pusher offre droga a un vigile

Tre uomini clandestini sono stati arrestati dalla Polizia Locale durante due operazioni contro lo spaccio di droga.

 

Un ivoriano di 50 anni è finito in manette dopo avere ceduto per 50 euro della cocaina  a due agenti che in abiti civili stavano effettuando un controllo in piazza Morbegno, scambiati per clienti.

 

L’extracomunitario è senza fissa dimora e ha numerosi precedenti specifici.

 

Una quindicina di africani che stavano nella medesima piazza e controllavano lo spaccio del territorio, all’atto dell’ammanettamento sono scappati.

 

Altri due maghrebini, di 24 e 31 anni, sono stati arrestati al Parco Sempione.

 

Entrambi clandestini erano da poco usciti dal carcere dopo aver commesso sempre lo stesso reato: il più giovane era fuori da tre mesi, l’altro da sei.

 

Alcuni cittadini – spiega il vice Sindaco di Milano e assessore alla sicurezza Riccardo De Corato – mi avevano segnalato che dopo la mezzanotte e fino all’alba diversi africani si concentravano intorno a piazza Morbegno a spacciare.  Ho subito disposto dei controlli che hanno portato ai primi arresti.

 

“Milano – sottolinea De Corato – ha fatto molto per la sicurezza. E anche lo spaccio è calato del 20% negli ultimi 2 anni grazie anche al contributo della Polizia Locale (una trentina i pusher arrestati dai vigili da inizio anno, 130 quelli  fermati nel 2010). Ma questi brillanti risultati rischiano di essere vanificati se la città dovesse essere travolta da ondate di clandestini provenienti dal Maghreb a minare ulteriormente la sicurezza cittadina”.

 

Leggi anche:

Arrestato spacciatore Parco Sempione, ha offerto hashish ai poliziotti in borghese

Arresto spacciatore albanese via Grigna, una telefonata anonima l’ha segnalato al 113

Arresto spacciatore viale Famagosta Milano, è un 23enne del Gambia

Arresto spacciatore Milano: sentito per caso snocciolare tutto agli amici, un commissario l’ha pedinato assistendo a rapine e spaccio a minorenni


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here