Giornalista milanese ucciso a Bangkok

Fabio_PolenghiFabio Polenghi era un reporter di 45 anni; aveva collaborato con le maggiori riviste nazionali e internazionali, e il suo lavoro lo portava quasi sempre all’estero. Quando era in Italia, abitava a Milano.

 

In Italia, la notizia della tragica morte di Polenghi è avvenuta tramite il riconoscimento di un’amica che, secondo quanto riportato dall’Ansa, lo avrebbe visto in un video durante il trasporto in ospedale. Ma lì, purtroppo, il reporter non è mai riuscito ad arrivare.

 

L’ANTEFATTO – Polenghi era in Thailandia da tre mesi, per svolgere un servizio sugli scontri tra i militari e il gruppo di manifestanti anti-governativi: le camicie rosse. Proprio questi ultimi, il 3 aprile, avevano allestito un presidio nel centro di Bangkok, proteggendosi con barricate e sbarramenti. Ora, i militari erano stati autorizzati a “sparare per uccidere” durante la fase finale dello sgombero della zona, utilizzando mezzi blindati per abbattere tutte le protezioni.

 

 

IL DRAMMA – Al momento dello sfondamento delle barricate, Polenghi è rimasto ferito allo stomaco. Subito intervenuti, i colleghi hanno cercato di trasportarlo al Police Hospital con una motocicletta. Proprio in quei secondi, però, tra le due fazioni è intercorsa una sparatoria causata da una resistenza dei manifestanti, e una scarica di proiettili ha centrato il reporter italiano, nonostante indossasse un giubbotto antiproiettili e un casco. Assieme a lui, sembra siano state coinvolte prima altre 5 vittime, e dopo altre 3 (due soldati e un giornalista canadese), a causa del lancio di 3 granate.

 

 

ESITO DELL’OPERAZIONE MILITARE – La protesta in Thailandia non è terminata, anche se dopo l’irruzione dei militari il centro di Bangkok è stato sgomberato. Nonostante i capi della resistenza, infatti, prima si siano arresi e successivamente siano stati arrestati, sull’intera città è stato comunque imposto un coprifuoco dalle 20 alle 6 di giovedì. Inoltre, l’ex premier Thaksin Shinawatra ed altre 90 persone sono ricercate con l’accusa di terrorismo: una volta trovati, per loro l’arresto sarà immediato. In Italia, intanto, non rimane che la tremenda sensazione di vuoto lasciata da una morte che non doveva accadere.

 

Di Redazione
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here