Tentato stupro bagno Stazione Centrale Milano, turista polacca afferrata alle spalle e palpeggiata mentre si lava le mani

E’ successo domenica nel bagno della Stazione Centrale di Milano.

 

Secondo quanto ricostruito una ragazza polacca di 24 anni, residente in Italia e in viaggio a Milano, si stava lavando le mani nella toelette quando, all’improvviso, ha visto nello specchio il riflesso di un uomo che le si stava avvicinando, prima di afferrarla per le spalle e iniziare a palpeggiarla.

 

La ragazza, fortunatamente, è riuscita a liberarsi; è corsa dal fidanzato, un italiano di 42 anni, e questi è intervenuto in suo aiuto.

 

Ne è nata una colluttazione: il fidanzato ha rimediato una ferita al volto ma, intanto è sopraggiunta anche la Polizia Ferroviaria.

 

L’aggressore, Eleftherios B., di origine greca, 45 anni, incensurato e senza fissa dimora, è stato quindi bloccato e arrestato.

 

La sua furia, però, non si è esaurita con il pestaggio del fidanzato della vittima, e si è scagliato anche contro un agente, colpendolo con calci e testate.

 

Grazie a tali prodezze, per il senzatetto le accuse sono aumentate dalla “sola” violenza sessuale (imputazione che racchiude anche i palpeggiamenti in zone intime) alla resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

 

Leggi anche:

Stupro stazione centrale, arrestato marocchino che ha violentato una ragazza di 21 anni

Tentato stupro viale Molise Milano, arrestato clandestino marocchino; nonostante ciò la Questura attesta la diminuzione degli stupri dell’80% in 4 anni

Tentato stupro piazza Sant’Ambrogio Milano, una 29enne è stata aggredita da un romeno di 48 anni a pochi metri dall’università Cattolica

Tentato stupro donna incinta piazza Oberdan – un keniota l’ha aggredita presso un chiosco mentre il marito si era assentato un momento

Donna stuprata Bergamo da amico marocchino, la sequestra, la picchia, la trascina in un casolare, ne abusa per ore poi la scarica davanti a un bar; lei riesce a farlo arrestare nonostante profonde ferite alla testa e al volto


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here