Cinesi sfruttate via Cesarotti Milano, costrette a lavorare 17 ore su 24 con tre pause giornaliere da 15 minuti e 3 centesimi per ogni foulard cucito; denunciati gli sfruttatori

E’ successo in un laboratorio di via Cesarotti.

 

L’ARRIVO TRA IL 2001 E IL 2007 – Qui erano ridotte in schiavitù tre donne cinesi, irregolari, tutte lavoratrici, giunte in Italia tra il 2004 e il 2007 con un visto turistico ottenuto in altri paesi europei.

 

L’ANNUNCIO PER SARTE – Le tre donne avevano risposto a un’offerta di lavoro come sarte trovata su una rivista di annunci cinese, accettando l’impiego proposto dalla padrona, “laopainiang” in gergo cinese, regolare e incensurata di 42 anni.

 

LO SFRUTTAMENTO – Le donne, di 49, 48 e 45 anni:

  • lavoravano sette giorni su sette, diciassette ore su ventiquattro, con tre pause giornaliere da 15 minuti;
  • veniva loro garantito vitto e alloggio nel retro dello stesso laboratorio;
  • venivano pagate 3 centesimi per ogni foulard confezionato, per un totale di circa 700 euro al mese di media.

 

L’IRRUZIONE DEI CARABINIERI

  • Lo scorso marzo le tre donne hanno deciso di raccontare tutto ai militari della compagnia Porta Manforte;
  • i militari, facendo irruzione nel laboratorio, hanno quindi trovato 5 donne, tra le quali le tre denuncianti, distribuite in uno spazio che comprende 20 postazioni

 

DENUNCE E SEQUESTRI

  • La padrona e i due soci connazionali, di 43 e 47 anni, sono stati denunciati per sfruttamento dell’immigrazione clandestina e della manodopera clandestina;
  • il laboratorio è stato chiuso.

 

Leggi anche:

Chiuso laboratorio cinese via Ornato, Niguarda, clandestini producevano biancheria per gli ospedali di Milano in condizioni igieniche disumane

Sequestro donna incinta Milano viale Zara e sfruttamento prostituzione, fermati tre albanesi

Dormitorio clandestino paolo Sarpi Milano, tra scarafaggi e sporcizia 12 letti a castello in 60 metri quadri, denunciato proprietario cinese

Dormitorio abusivo quartiere Sarpi, 14 letti in 3 stanze di via Morazzone


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here