Condanne gang sudamericane Milano, fino a 26 anni di reclusione per 4 membri dei Chicago accusati di aver ucciso Betancourt Noboa, dei New York

Si è concluso con condanne a pene tra i 18 e i 26 anni di reclusione il processo a carico di 4 sudamericani appartenenti alla gang dei Chicago, accusati di aver ucciso l’ecuadoriano David Stenio Betancourt Noboa, 26enne della banda rivale dei New York.

 

 

L’OMICIDIO A COLTELLATE

  • L’omicidio è avvenuto il 7 giugno 2009 al termine di una rissa davanti al Thini Cafè di via Brembo, in cui il giovane è stato ucciso a coltellate.
  • In base a quanto ricostruito dal pubblico ministero Mario Venditti, titolare dell’inchiesta, la rissa sarebbe scoppiata come ritorsione per altre, precedenti aggressioni sfociate in fatti di sangue.

 

LA SENTENZA IN PRIMO GRADO – Il 29 marzo 2010, in primo grado, il giudice per l’udienza preliminare Micaela Curami aveva inflitto altre 6 condanne fino a 18 anni e 10 mesi di reclusione agli imputati ritenuti gli esecutori materiali del delitto che avevano scelto il giudizio abbreviato.

 

IL PARERE DEL GUP

  • Il gup aveva quantificato le pene, escludendo per tutti le aggravanti della premeditazione e dei futili motivi contestate dal pm e concedendo ad alcuni le attenuanti generiche.
  • Inoltre aveva respinto un patteggiamento a 5 anni di carcere proposto da accusa e difesa per un sudamericano accusato di concorso in omicidio per aver fatto il palo: secondo Curami la pena non era congrua rispetto alla gravità del fatto.

 

L’ERGASTOLO – Risultato, a settembre il giovane è stato condannato all’ergastolo da un altro gup, Andrea Salemme, che ha ritenuto sussistere le aggravanti bocciate dalla collega e ha eliminato le attenuanti.

 

LE CONDANNE DEFINITIVE – Oggi, invece, la sentenza è stata emessa dalla prima corte d’assise, presieduta dal giudice Filippo Grisolia: la conclusione è, per i 4 imputati, di condanne a pene tra i 18 e i 26 anni di reclusione.

 

Leggi anche:

Rissa bande sudamericane Milano via Sammartini, accoltellato peruviano da appartenenti agli Ms18

Arresto gang latine Milano, presi membri Latin Forever che rapinavano donne sole, 5 le rapine attribuite loro nell’ultimo mese

Arresto capi banda latinoamericana Ms-13 Milano, sono un 18enne e un 33enne

Sudamericano picchiato viale Tibaldi, latin kings sospettati

Accoltellato ecuadoriano piazza Duomo, forse un regolamento di conti

Arresti bande latine, presi i 5 ‘New York’ e ‘MS 13’ che avevano accoltellato uno dei ‘Chicago’

 

Di Redazione

4 COMMENTI

  1. imagino il dolore dei familiari…ancora non riesco a capire se queste sentenze son vere stangate per farci capire che siete saturi de queste guerre tra gang…..oppure razzismo….mi unisco al dolore di queste famiglie….perche anche io sto soffrendo per una sentenza ingiusta…una stangata come l’hanno definita i giornalisti….

  2. Basta mettere al bando le leggi coccola delinquenti e applicare il codice penale che vigeva durante l ‘ Impero Romano , per debellare queste gang dei miei coglioni , per tutte le città sature di questi delinquenti basta lasciar mano libera a 4 legioni di soldati e poi una volta arrestate tutte queste gang riservargli lo stesso trattamento che Roma all’epoca usò per schiacciare e debellare Spartaco…..ovviamente prima di essere inchiodati come prassi di ROMA S.P.Q.R. far assaporare a questi componenti di gang la goduria del flagello….e poi vediamo chi viene dopo se ha voglia di comportarsi civilmente e se tentennano di creare una nuova gang dopo aver visto ciò che è accaduto prima di lui ! Una volta ROMA faceva presto altro che poverini bisogna capirli arrivano dal disagio , i poverini son ben altre persone come chi nasce senza arti , chi ha gravi disfunzioni fisiche di ogni genere non questi dementi che hanno la fortuna della salute e gettano tutto nel cesso perchè il loro cervello è saturo di cazzate….a questa marmaglia espianto degli organi e donarli a chi nasce sfortunato almeno così questi pandileros o come cazzo si chiamano loro sarebbero utili almeno a qualcosa!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here