Furto appartamenti in via Ressi Milano, bottino da 400 mila euro; in due giorni i ladri hanno colpito ben 4 abitazioni e l’ufficio di un commerciante di preziosi. Forse i 350 militari ritirati dalla città non erano da eliminare

E stato un weekend da incubo per i milanesi che, per tutto il mese di agosto, sono stati depredati dal centro alla periferia senza alcuna distinzione. L’unico obiettivo dei malviventi, infatti, è arraffare il più possibile senza alcuna pietà, meglio se nello stesso palazzo come accaduto due settimane fa in via delle Azalee (dove le abitazioni ripulite sono state 5 in una volta sola), e in questa occasione in via Ressi (dove gli appartamenti bersaglaiti sono stati 2).

 

5 COLPI IN DUE GIORNI, CE N’E’ PER TUTTI – Con questa logica ignoti hanno depredato:

  • una 72enne residente in via Santi Nabore e Felice, legata mani e piedi e poi finita in ospedale in codice giallo;
  • una 75enne raggirata da un finto postino in via Crivelli, talmente abile da non farsi udire neanche dai nipoti della donna, presenti nell’abitazione;
  • l’ufficio di un commerciante di pietre preziose con un bottino da 50mila euro;
  • ben due appartamenti dello stesso palazzo di via Ressi, dove vivevano rispettivamente un padre e sua figlia.

 

BOTTINO DA 400 MILA EURO – Attoniti i titolari dei due appartamenti di via Ressi: un imprenditore di 66 anni e la figlia.

  • A loro i ladri hanno rubato gioielli e monili in oro per un valore complessivo di 400mila euro.
  • Sul luogo sono sopraggiunte  le Forze dell’Ordine e, attualmente, sono in atto le indagini.

 

SERVIVANO I MILITARI DEL NUCLEO “STRADE SICURE”? – L’operazione Strade Sicure è un progetto nato nell’agosto del 2008, creato dal ministro della Difesa Ignazio La Russa e dal ministro della Giustizia Roberto Maroni.

  • In base a tale progetto, sono stati istituiti nei quartieri ‘a rischio’ di Milano pattugliamenti dinamici misti, di militari e forze dell’ordine.
  • E’ stata la Questura di Milano a certificare ufficialmente che “nelle vie pattugliate dall’esercito e presidiate per obiettivi sensibili, i reati si sono ridotti del 40% e, il servizio ‘Strade sicure’, ha contribuito alla diminuzione, su tutta Milano, del 48% dei reati nel biennio 2008-2010.
  • Il nucleo, per disposizione del sindaco di Milano Giuliano Pisapia, appoggiato dai suoi consiglieri comunali, alla vigilia dell’agosto è stato ridotto di ben 350 uomini, lascando sguarnite 34 vie cittadine tra le quali anche via Padova e viale Monza.

 

AGGIORNAMENTO del 28 settembre 2011 ore 13,00: Nonostante tutto ciò, il Comune taglia i finanziamenti alla Polizia locale e all’illuminazione pubblica, agli anziani, alle case popolari e alle categorie più deboli. La giunta Pisapia si prepara infatti a varare la manovra da 54 milioni di euro già approvata lunedì 26 settembre 2011: i tagli previsti si abbattono soprattutto sui finanziamenti alla Polizia locale e agli anziani,  ai quali si aggiungono colpi di ascia a molteplici categorie, quali:

  • 6,5 milioni di euro tagliati alla Polizia locale;
  • 2,8 milioni in meno per l’illuminazione pubblica;
  • 5,9 milioni eliminati dai finanziamenti ai servizi per l’assistenza agli anziani;
  • 3 milioni tagliati ai servizi di prevenzione e riabilitazione;
  • 1,8 milioni cancellati per le case popolari;
  • 4,6 milioni tagliati alla scuole secondarie superiori;
  • 4,9 milioni cancellati per attività culturale e teatrali;
  • 1,5 milioni in meno per le piscine comunali;
  • 5,6 milioni cancellati ai servizi per la viabilità e circolazione stradale;
  • 3 milioni tagliati agli asili nido e ai servizi per l’infanzia.
  • PER TUTTI I DETTAGLI, LE MOTIVAZIONI ADDOTTE DALLA MAGGIORANZA E LE SOLUZIONI PROPOSTE CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Furto appartamento viale Abruzzi Milano, rubati 150 mila euro: è l’epilogo di un agosto scandito da rapine nelle case, alle persone, nelle banche e nei supermercati, nonché di truffe agli anziani, risse, aggressioni e accoltellamenti

Furto appartamenti via Azalee, rubano chiavi da portineria e svaligiano 5 abitazioni

Ritirati militari Milano, alla vigilia dell’agosto la città perde 350 uomini preordinati alla sua sicurezza

Sicurezza Milano, richiesta eliminazione dei pattugliamenti misti, del Nucleo controllo sui mezzi pubblici e risposte ai centri sociali, ecco cosa succederà a Milano e cosa è stato garantito

Rapina banca via Cermenate Milano, assalto in pieno giorno alle 15 del pomeriggio, con tanto di taglierini e fuga da far west


di Redazione

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here