Rapine conti online, sgominata banda di hacker che assoldava complici in un liceo milanese

Fotogramma_45Più di un centinaio le vittime di una vera e propria organizzazione di criminali informatici che si procuravano illegalmente le coordinate di homebanking e poi incassavano bonifici bancari.

 

 

L’OPERAZIONE DELLA POLIZIA – L’operazione è stata condotta dagli agenti della Polizia Postale e,  tra Milano, Novara, Alessandria e la Romania, ha portato all’esecuzione di 13 delle 21 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GI, Giulia Turri nei confronti di 12 rumeni, 7 egiziani e due italiani. Gli ultimi due arresti sono stati eseguiti nelle prime ore di questa mattina.

 

 LA DINAMICA CRIMINALE – I malviventi incassavano bonifici bancari disposti con le coordinate di homebanking acquisite in modo illegale da almeno 132 vittime. I bonifici incassati andavano dai 400 ai 1.000 euro, di cui il 15% finiva nelle tasche dei “cavallini”, il 25% in quelle dei “capi area” e il resto veniva spedito in Romania alle menti dell’organizzazione, veri e propri hacker che acquisivano le coordinate bancarie delle vittime tramite email “trappola”.

 

IL RUOLO DEGLI STUDENTI DI LICEO – A questo punto entravano in scena i “cavallini”: una ventina di studenti dell’ultimo anno di un liceo classico della periferia milanese, che venivano incaricati di prelevare il danaro negli uffici postali e nelle banche.

 

Gli studenti, tutti maggiorenni, venivano arruolati all’uscita della scuola da un coetaneo egiziano che in passato aveva frequentato lo stesso istituto.

 

IL PASSAPAROLA – Il passaparola all’interno del liceo aveva coinvolto diversi studenti di buona famiglia, attratti dal ritorno economico garantito dall’attivita’ illecita.

 

Di Redazione

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here