Arresto capo ultras Giancarlo Lombardi, soprannominato Sandokan, era latitante da due mesi

L’arresto è avvenuto dopo due mesi di latitanza, a seguito di una condanna già pronunciata di 5 anni di carcere.

 

Assieme a Giancarlo Lombardi, leader degli ultrà di San Siro, le porte del carcere si sono spalancate anche per altre 19 persone, tutte collegate al reato di truffa a danni di istituti di credito e frode fiscale.

 

Lombardi, già con diversi precedenti a suo carico, tra i quali rapina e disordine pubblico durante alcune partite di calcio, è stato accusato di:

  • aver riciclato un milione di euro per conto dell’organizzazione;
  • aver utilizzato parte del denaro per acquistare numerosi biglietti per la finale di Champions League 2007, rivenduti a prezzo maggiorato. I proventi derivati sarebbero stati utilizzati per la ristrutturazione di una casa in Costa Rica e per finanziare il film “L’ultimo ultras”, a cui ha partecipato come attore.
  • aver acquistato di un appartamento sul Lago di Garda fittiziamente intestato alla moglie e sottoposto a sequestro preventivo.

 

Leggi anche:

Condanne ultrà Milan gruppo I Guerrieri, Pm di Milano chiede fino a 5 anni di carcere per associazione per delinquere finalizzata alla tentata estorsione, minacce e violenza ai danni della società Rossonera

Arresto capo ultrà San Siro, Marco Righetto sorpreso con ordigno micidiale, coltelli, una mazza da baseball e spray urticante

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here