Anziana rapinata via Mac Mahon Milano, spinta a terra sotto casa; è allarme per le rapine agli anziani, malmenati in ogni modo

Il quartiere Mecenate è ancora sotto shock per la rapina subìta in piazza Ovidio da una signora di 83 anni, ora in prognosi riservata dopo aver sbattuto la testa mentre due malviventi le strappavano la borsetta di mano.

 

L’ALLARME ANZIANI – Purtroppo, sebbene da sempre preda di truffatori e rapinatori della peggior specie, gli anziani hanno visto ultimamente un incremento inquietante di atti delinquenziali eseguiti nei loro confronti, a volte tanto barbari e spietati da far accapponare la pelle.

  • Il mese di agosto è stato, in questo senso, chiarificatore: scippi di catenine, raggiri in appartamento, truffe per accaparrarsi i pochi euro di pensione o i risparmi di una vita.
  • Il tutto senza risparmiare botte, calci, pugni, spintoni e chi più ne ha più ne metta, anche se le prede hanno superato la soglia delle 80 primavere e, magari, riescono a fare quei pochi passi quotidiani con l’aiuto di una stampella.

 

L’ULTIMA VITTIMA, UNA SIGNORA DI 83 ANNI – Ieri, ultima vittima solo in senso cronologico, è stata una signora della veneranda età di 82 anni, aggredita alle 19 sul portone di casa, in via Mac Mahon.

  • Proprio mentre stava per rincasare, la signora è stata improvvisamente aggredita da un extracomunitario, che l’ha minacciata e strattonata fino a farla cadere a terra.
  • Il ladro, a quel punto, non ci ha messo molto a sottrarle la borsetta e l’orologio, dandosi immediatamente alla fuga.

 

IL “VENTO DEL CAMBIAMENTO” SI E’ DIMENTICATO DI PORTARE LA SICUREZZA PER I CITTADINI – Fortunatamente, in questo caso, l’82enne non ha riportato gravi ferite, al punto che ha preferito tornare a casa invece che affidarsi ai volontari del 118.

  • Tuttavia, una riflessione è indubbia: in una città come Milano, la sicurezza dei cittadini dovrebbe essere la regola, non l’eccezione. Forse, “il vento nuovo del cambiamento” dovrebbe portarne un po’ di più, soprattutto quando si tratta delle categorie più fragili della popolazione.

 

AGGIORNAMENTO del 28 settembre 2011 ore 13,00: Nonostante tutto ciò, il Comune taglia i finanziamenti alla Polizia locale e all’illuminazione pubblica, agli anziani, alle case popolari e alle categorie più deboli. La giunta Pisapia si prepara infatti a varare la manovra da 54 milioni di euro già approvata lunedì 26 settembre 2011: i tagli previsti si abbattono soprattutto sui finanziamenti alla Polizia locale e agli anziani,  ai quali si aggiungono colpi di ascia a molteplici categorie, quali:

  • 6,5 milioni di euro tagliati alla Polizia locale;
  • 2,8 milioni in meno per l’illuminazione pubblica;
  • 5,9 milioni eliminati dai finanziamenti ai servizi per l’assistenza agli anziani;
  • 3 milioni tagliati ai servizi di prevenzione e riabilitazione;
  • 1,8 milioni cancellati per le case popolari;
  • 4,6 milioni tagliati alla scuole secondarie superiori;
  • 4,9 milioni cancellati per attività culturale e teatrali;
  • 1,5 milioni in meno per le piscine comunali;
  • 5,6 milioni cancellati ai servizi per la viabilità e circolazione stradale;
  • 3 milioni tagliati agli asili nido e ai servizi per l’infanzia.
  • PER TUTTI I DETTAGLI, LE MOTIVAZIONI ADDOTTE DALLA MAGGIORANZA E LE SOLUZIONI PROPOSTE CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Ritirati militari Milano, alla vigilia dell’agosto la città perde 350 uomini preordinati alla sua sicurezza

Anziana scippata piazza Ovidio Milano, 83enne sbatte la testa e riporta gravissima emorragia cerebrale

Rapina anziana Milano corso Buenos Aires, catenina d’oro strappata dal collo

Anziana rapinata via Giotto, ladro la fa cadere procurandole una ferita alla testa poi le ruba la borsa con il cellulare e pochi spiccioli

Anziana scippata piazzale Lagosta, ragazzo insegue malvivente e lo fa arrestare, la vittima è una 79enne con una stampella

Rapina anziana via Poliziano Milano, una ferocia inaudita per rubare la catenina d’oro a una signora di 89 anni

Anziana rapinata via Murillo Milano, una 83enne ha riportato una ferita al braccio per lo scippo della borsetta eseguito da un 33enne


Di Redazione

2 COMMENTI

  1. grazie Pisapippa, più vigili a fare multe agli onesti che sbagliano e meno agenti a dar sicurezza oer le strade! Magari tra un po avremo le ronde musulmane che arrestano chi fa bella mostra del crocifisso appeso alla catenina……

  2. MA COSA ASPETTANO A METTERE QUESTA LURIDA GENTAGLIA AI LAVORI FORZATI CON CATENE AI PIEDI,BASTARDI,QUESTO PAESE FA SCHIFO,PERCHE NEI PAESI SCANDINAVI NON SUCCEDONO QUESTE COSE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here