Brega Massone Santa Rita Milano accusato di omicidio volontario di 4 pazienti, coinvolti anche i suoi collaboratori Fabio Presicci e Marco Pansera

Pierpaolo Brega Massone, ex primario di chirurgia toracica della Clinica Santa Rita, e i suoi collaboratori Fabio Presicci e Marco Pansera, sono stati nuovamente rinviati a giudizio. Per loro l’accusa è di omicidio volontario plurimo aggravato.

 

Secondo la Procura della Repubblica di Milano, Brega e il suo staff sono responsabili della morte di almeno 4 pazienti: tale accusa si assomma quindi a quella di lesioni procurate gravissime, per la quale Brega Massone ha già iniziato a scontare 15 anni di carcere, nonostante il processo d’appello fissato per il marzo 2012.

 

Secondo l’impianto accusatorio formulato dai PM Tiziana Siciliano e Grazia Pradella, lo staff di medici sarebbe stato consapevole delle delicatissime condizioni dei loro pazienti e, nonostante ciò, li avrebbe volontariamente sottoposti alle operazioni, che si sono puntualmente concluse con i relativi decessi.

 

Tutt’altro che esaurito, lo scandalo della Santa Rita sembra allargarsi ancora di più poiché, i pubblici ministeri, sono determinati a provare il coinvolgimento di altre 10 persone, oltre allo staff di Brega Massone, legate a ulteriori 46 interventi che hanno provocato ai pazienti lesioni gravi e gravissime.

 

Inoltre, tra le intercettazioni spunta anche il ruolo di un’infermiera accusata di favoreggiamento e di appropriazione indebita: la donna infatti, fedele al suo primario, avrebbe cercato di far sparire alcune cartelle cliniche fondamentali per provare la responsabilità di Brega Massone.

 

Leggi anche:

Quattro omicidi Brega Massone clinica Santa Rita, nuova accusa per ex primario

Sentenza clinica Santa Rita, Brega Massone condannato a 15 anni e mezzo

Clinica Santa Rita, formulate condanne fino a 21 anni di carcere, con accuse di falso, truffa aggravata, falso e lesioni personali gravi e gravissime

Le operano uno zigomo e diventa cieca da un occhio

Medico Ieo Milano indagato per operazioni non necessarie e dannose, inchiesta su Lorenzo Spaggiari, primario di chirurgia toracica della struttura

Medici chirurghi indagati Ospedale di Bollate, 80enne cade dal letto, si ustiona contro calorifero e nessuno se ne accorge. Due mesi dopo muore


di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here