Sicurezza Milano, rapina 96enne in via Tracia derubata anche della fede nuziale, intanto il Comune taglia 6 milioni di euro alla Polizia locale

La città di Milano sembra essersi trasformata nella savana: ogni giorno una gazzella si sveglia e sa che, per non venire mangiata dal leone, dovrà correre, correre, correre. Purtroppo, però, gli anziani non hanno la medesima consapevolezza delle gazzelle. E a Milano ogni giorno c’è qualcuno che cade. Tra le fauci del leone, o peggio.

 

GLI ULTIMI CASI, I PIU’ RACCAPRICCIATI DI UNA LUNGHISSIMA SERIE DI TRAGEDIE QUOTIDIANE

  • Alcuni casi spaccano il cuore in mille pezzi. Come quello accaduto il 22 settembre scorso a una signora cieca alla quale si è presentato alla porta, in via degli Ippocastani, un finto postino. Per prima cosa il truffatore ha scaraventata a terra la signora, invalida al 100%, frastornandola completamente. Poi le ha urlato di rimanere seduta immobile e, mentre lei obbediva terrorizzata, lui setacciava l’appartamento e arraffava tutto il danaro possibile.
  • Solo il giorno prima, il 21 settembre, c’è stato il caso della 83enne scippata in piazza Ovidio alle 13 del pomeriggio. La vecchina è stata aggredita alle spalle da due scippatori in scooter; afferrata dai malviventi la borsetta contenente pochi euro, la vecchina è stata sbattuta a terra facendole sbattere la testa sul marciapiede. Trasportata in ospedale, l’anziana è entrata in coma.
  • Il caso più recente, ed agghiacciante, è accaduto solo il giorno dopo, il 23 settembre 2011: una 81enne è stata ritrovata svenuta in via Villa Mirabello in pieno pomeriggio. Aveva una ferita in testa, accanto il bastone che usava per aiutarsi a camminare, sparita la borsetta e, al suo posto, una grave ferita alla testa. Chiamato il 118 dai passanti, la signora, dopo il ricovero, è tragicamente deceduta. Ancora sconosciuti gli scippatori artefici del raccapricciante atto, sconvolti più che mai i milanesi.

 

I CASI DI SETTEMBRE SEGUONO QUELLI DELL’AGOSTO, QUANDO TRUFFE E RAPINE IN APPARTAMENTO SONO STATI ALL’ORDINE DEL GIORNO – Il must dell’estate è stato sicuramente il furto della catenina d’oro: innumerevoli i casi denunciati, ad opera di italiani, extracomunitari o rom, a danno di 50enni, 60enni e, per confermare la regola, anche anziani ultraottantenni.

  • I furti sono avvenuti con lo strattone della catenina mentre la vittima era in auto, ma soprattutto mentre gli anziani passeggiavano a piedi.
  • In questo senso, mentre la 83enne veniva scippata e sbattuta a terra entrando in coma in piazza Ovidio, all’incirca alla stessa ora una 74enne veniva scippata in via Feltre, aggredita a causa di una catenina.
  • Sempre per una catenina, sui Navigli, 4 rom hanno circondato un 67enne rapinandolo;
  • il 12 agosto invece, in pieno giorno, è stato il turno di un milanese in via Crescenzago, minacciato da un egiziano che ha sfoderato un coltello per rubargli il gioiello.
  • Il 3 agosto, all’inizio dello smantellamento, voluto dal Comune, dei militari a presidio delle vie più a rischio di Milano, era stata un’altra anziana, in corso Buenos Aires, ad essere aggredita e rapinata sempre della catenina d’oro.

 

FURTI IN APPARTAMENTO, RAPINE ALLE BANCHE, ATTI DELINQUENZIALI DI OGNI GENERE – Sempre analizzando il crescendo della spirale di criminalità che si è abbattuta su Milano, nel mirino dei malviventi sono caduti, soprattutto durante l’agosto, gli appartamenti dei milanesi in vacanza o, semplicemente, di chi si era allontanato da casa per una sera o anche per poche ore.

  • Notevole il caso di via delle Azalee, dove ignoti sono penetrati nel gabbiotto della portineria e hanno rubato direttamente le copie delle chiavi delle abitazioni, svaligiando ben 5 appartamenti;
  • Bottino notevole anche in via Rubens, dove i ladri sono usciti con 200 mila euro tra contanti, gioielli e pure pellicce;
  • In via Toscana, il 18 agosto, 3 donne rom hanno depredato due anziani nel loro appartamento, lasciandoli in stato di shock;
  • Solo il giorno prima ignoti avevano svaligiato, alle 15 del pomeriggio, la banca del Credito Artigiano di via Cermenate;
  • Da non dimenticare anche risse, furti di Rolex a raffica, truffe di ogni genere e rapine nei supermercati.

 

L’ULTIMA VITTIMA, UNA 96ENNE RAPINATA ALLE 11 DEL MATTINO ANCHE DELLA FEDE NUZIALE – Ieri, il 28 di settembre, alle 11,30 del mattino l’ultima vittima in via Tracia: una vecchina della veneranda età di 96 anni.

  • La signora, purtroppo, è caduta sotto le grinfie degli ennesimi, spietati rapinatori, che si sono finti addetti Aler e hanno bussato direttamente alla sua porta.
  • I due hanno sostenuto di dover compiere sopralluoghi per alcuni lavori.
  • Distratta la signora, invece, le hanno rubato tutto, compreso una collanina e la fede nuziale, appoggiate su un tavolino.

 

L’ASSESSORE ALLA SICUREZZA MARCO GRANELLI: LA SICUREZZA E’ TRA LE PRIORITA’ DELLA NOSTRA AMMINISTRAZIONE

  • Anche a seguito di efferati eventi come l’aggressione dei due studenti brindisini presi a colpi di cric dopo un sorpasso in viale Serra, l’assessore alla Sicurezza di Milano, Marco Granelli, ha tenuto a rassicurare la popolazione milanese, sottolineando la “Presenza costante della Polizia locale sul territorio”
  • “E’ importante – ha concluso Granelli – che i cittadini sappiano che il Comune è presente e che l’attenzione alla sicurezza è tra le priorità di questa Amministrazione”

 

BELLE PAROLE, MA INTANTO IL COMUNE TAGLIA 6,5 MILIONI DI EURO ALLA POLIZIA LOCALE

  • Le rassicurazioni dell’assessore alla Sicurezza, Marco Granelli, sono le benvenute. Meno benaccolti i tagli approvati lunedì 26 settembre e oggi in aula sulla manovra da 54 milioni di euro del Comune Pisapia.
  • Prima c’è stato il ritiro, ad inizio agosto, di 350 militari del nucleo “Strade Sicure”, progetto che dal 2008 al 2010 ha portato alla diminuzione del 40% dei furti nelle zone presidiate e del 48% in tutta Milano.
  • Ora, nonostante la spirale di atti criminosi che ha travolto la città, il Comune taglia i finanziamenti alla Polizia locale e all’illuminazione pubblica, agli anziani, alle case popolari e alle categorie più deboli. In particolare:
      • 6,5 milioni di euro tagliati alla Polizia locale;
      • 2,8 milioni in meno per l’illuminazione pubblica;
      • 5,9 milioni eliminati dai finanziamenti ai servizi per l’assistenza agli anziani;
      • 3 milioni tagliati ai servizi di prevenzione e riabilitazione;
      • 1,8 milioni cancellati per le case popolari;
      • 4,6 milioni tagliati alla scuole secondarie superiori;
      • 4,9 milioni cancellati per attività culturale e teatrali;
      • 1,5 milioni in meno per le piscine comunali;
      • 5,6 milioni cancellati ai servizi per la viabilità e circolazione stradale;
      • 3 milioni tagliati agli asili nido e ai servizi per l’infanzia.

 

INFORMAZIONI – Per i dettagli sui tagli da 54 milioni di euro che si abbatteranno sui milanesi, CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Tagli Comune Milano, cancellati finanziamenti a Polizia locale, anziani, case popolari, asili, scuole e altro, elenco e dettagli

Ritirati militari Milano, alla vigilia dell’agosto la città perde 350 uomini preordinati alla sua sicurezza

Contributi Leoncavallo da Comune Milano, l’assessore alla Sicurezza Granelli: “Valorizzare la positività di questo luogo che in futuro potrebbe anche ricevere contributi per determinati progetti”

Regolarizzazione Leoncavallo Milano, il Comune mantiene la parola con gli antagonisti e si prende a cuore la loro causa

Tentato stupro piazzale Accursio Milano, egiziano avvicina vittima sul filobus 91 per tentare di trascinarla in un parco

Anziana svenuta via Villa Mirabello Milano, rubata la borsa e ferita

Anziana cieca rapinata in casa da finto postino Milano via Ippocastani, il limite è stato davvero oltrepassato

Rapina banca via Cermenate Milano, assalto in pieno giorno alle 15 del pomeriggio, con tanto di taglierini e fuga da far west

Furto appartamenti via Azalee, rubano chiavi da portineria e svaligiano 5 abitazioni


Di Redazione

2 COMMENTI

  1. Ma per favore, ma chi ha scritto questa scemenza super-retorica, addirirttura con toni apocalittici (“Da non dimenticare anche risse, furti di Rolex a raffica, truffe di ogni genere e rapine nei supermercati.”…hahahahaha e poi?!), DeCorato stesso?
    Ma questo cos’è, il sitino di propaganda di DeCorato finanziato con le “creste” degli ex-AN sui lavori di urbanistica in zona 4, 6 e 11??
    Che vergogna…vi rimangono solo le vecchiette da terrorizzare.

    • Ahahahah ma che spiritosone di mezza mattina, ma pensi un po’ che oggi mi ero anche svegliato triste. Per fortuna ci sono in giro per la rete saccenti, profeti, colti e neutri, che ci indicano la via per fare informazione. Se si registra può tranquillamente mandare Lei i suoi articoli così pregni di sostanza. Attendiamo con ansia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here