Treni danneggiati Milano, convoglio distrutto dopo 3 giorni di servizio

Un atto vandalico che si andrò ad aggiungere a tutti i danni che i cittadini ripagano costantemente di tasca propria. Nel dettaglio:

 

I DUE TRENI DANNEGGIATI – Questa volta i vandali si sono sfogati su due treni:

il 2.581 in partenza da Tirano alle 19,10 e diretto a Milano Centrale;

il 2.585 in partenza da Sondrio alle 21,23.

 

I DANNI ARRECATI – Il risultato dell’azione vandalica comprende:

  • 6 finestrini rotti,
  • 5 sedili tagliati, 1 porta divelta
  • un tachimetro  distrutto
  • il tutto, da concludersi con una carrozza resa totalmente inagibile.

 

IL MILANO-TIRANO, TORNATO IN SERVIZIO 3 GIORNI FA DOPO UNA RISTRUTTURAZIONE TOTALE – Il danno è già di per sé gravissimo, reso ancora più grave, però, dal fatto che uno dei due convogli, il Milano-Lecco-Tirano, era stato totalmente rinnovato e presentato al pubblico solo giovedì scorso, il 28 settembre 2011.

 

IL COMMENTO DELL’ASSESSORE ALLE INFRASTRUTTURE REGIONALE

  • “E’ un atto di inciviltà inqualificabile”, ha detto l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo. “Neanche due giorni di servizio e il treno, a causa di questa barbara azione, è già fuori uso. Ora è in un deposito per le dovute riparazioni”.
  • “Abbiamo consegnato giovedì al territorio un treno completamente rinnovato e confortevole che tutti hanno potuto apprezzare. Tutto questo è stato fatto – ha aggiunto Cattaneo – con l’obiettivo di dare ai nostri viaggiatori un servizio all’altezza delle loro aspettative. Lo sforzo  è  però stato vanificato in poche ore.

 

L’ESBORSO SOPPORTATO DAI CITTADINI NEL 2010: 6 MILIONI DI EURO – Nel 2010, per rimediare ai vandalismi perpetrati sui mezzi pubblici, la sola Atm ha dovuto pagare 6 milioni di euro, tutti ricaduti sulle casse dei cittadini.

 

IL NECESSARIO AUMENTO DELLA SICUREZZA – “Azioni di questo tipo annullano il costante impegno messi in campo  per il miglioramento del servizio.

  • “Tutto diventa ancora più grave in un momento delicato come questo, in cui le risorse per il trasporto pubblico scarseggiano.
  • “E’ quindi evidente che oltre a demonizzazione questi atti – ha concluso Cattaneo, – che si commentano da soli,  occorre pensare a strategie ed iniziative che tutelino il patrimonio pubblico e puniscano duramente i responsabili”.

 

I TAGLI DEL COMUNE, 6,5 MILIONI DI EURO TAGLIATI ALLA POLIZIA LOCALE – Nonostante tutto ciò, il Comune taglia i finanziamenti alla Polizia locale e all’illuminazione pubblica, alle scuole nonché alle categorie sociali più fragili. In particolare:

  • 6,5 milioni di euro tagliati alla Polizia locale;
  • 2,8 milioni in meno per l’illuminazione pubblica;
  • 5,9 milioni eliminati dai finanziamenti ai servizi per l’assistenza agli anziani;
  • 3 milioni tagliati ai servizi di prevenzione e riabilitazione;
  • 1,8 milioni cancellati per le case popolari;
  • 4,6 milioni tagliati alla scuole secondarie superiori;
  • 4,9 milioni cancellati per attività culturale e teatrali;
  • 1,5 milioni in meno per le piscine comunali;
  • 5,6 milioni cancellati ai servizi per la viabilità e circolazione stradale;
  • 3 milioni tagliati agli asili nido e ai servizi per l’infanzia.
  • Per ulteriori dettagli, CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Tagli Comune Milano, cancellati finanziamenti a Polizia locale, anziani, case popolari, asili, scuole e altro, elenco e dettagli

Condanna writer Milano, 4 mesi di reclusione a un 21enne per aver imbrattato 7 convogli della metropolitana, in più risarcimento a Comune e Atm

Danni manifestazione No Gelmini day, 150 mila euro tra muri imbrattati, vetrate distrutte e altro

Foto manifestazione studenti Milano, lancio uova, sassi, petardi, scritte spray e cestini incendiati


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here