Istruzioni censimento 2011, info dettagliate per compilarlo, tempistiche, indirizzi centri di raccolta e multe per mancata consegna

Il 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011 ha preso il via da pochi giorni: dal mese di settembre è iniziata la spedizione dei questionari che, dal 10 ottobre, possono essere compilati e riconsegnati presso i Centri di Raccolta previsti su tutto il territorio nazionale.

 

GLI OBIETTIVI DEL CENSIMENTO – Il censimento, rilevazione a scadenza decennale, presenta quattro differenti obiettivi:

  • Produrre un quadro informativo statistico sulle caratteristiche principali strutturali e socio-economiche della popolazione a livello locale, regionale e nazionale.
  • Per ogni Comune, determinare l’insieme delle persone residenti che formano la popolazione legale (dato che rappresenta la base per determinare i posti letto negli ospedali, il numero di farmacie e scuole ed il numero dei rappresentanti politici.
  • Fornire dati ed informazioni utili all’aggiornamento e revisione delle anagrafi comunali della popolazione residente.
  • Produrre informazioni sulla consistenza numerica e sulle caratteristiche delle abitazioni e degli edifici.

 

GLI INTERESSATI – Saranno circa 61milioni i cittadini, italiani e stranieri, interessati dal censimento, suddivisi in circa 25milioni di famiglie e residenti in 8.092 Comuni italiani.

  • Nella sola Milano, saranno censite più di 700mila famiglie per un totale di oltre 1,3milioni di cittadini.
  • Il questionario viene distribuito attraverso due forme: quella ridotta, volta a diminuire gli oneri sui rispondenti, viene elargita ai due terzi delle famiglie residenti nei centri abitati dei Comuni capoluogo di provincia o con almeno 20mila abitanti al 1° gennaio 2008, nei quali è stato possibile costruire campioni di famiglie significativi per aree sub comunali (Aree di Censimento).
  • Nei restanti Comuni viene utilizzato il modello in forma completa.

 

QUESTIONARIO DIRETTAMENTE A CASA – Dal mese di settembre è iniziata la distribuzione mezzo Posta (tramite Poste Italiane) del questionario che, in passato, veniva consegnato casa per casa direttamente dai Rilevatori comunali.

  • Il questionario, parte centrale del 15° Censimento, verrà spedito fino al 22 ottobre.
  • Se l’indirizzo presente in anagrafe non ha consentito la spedizione postale del questionario o se, nel frattempo, c’è stato un trasferimento ad un nuovo indirizzo, basterà recarsi presso un Centro Comunale di Raccolta per ritirarne uno di scorta.
  • L’alternativa è quella di attendere che un rilevatore comunale, figura che scenderà in campo dal 21 novembre 2011, arrivi a consegnare il questionario vis-a-vis.

 

LA RESTITUZIONE DEI QUESTIONARI – Sono diverse le modalità offerte ai cittadini per poter riconsegnare il questionario: Internet, Uffici postali e Centri di Raccolta del Comune di residenza.

 

CENTRI DI RACCOLTA, DOVE TROVARLI? – Per trovare i Centri di Raccolta basta selezionare Regione prima, e Provincia poi, al seguente link, visualizzando successivamente il relativo elenco:

  • I residenti nel Comune di Milano che non avranno ricevuto il questionario entro il 20 ottobre, potranno rivolgersi all’ufficio comunale in via Marsala, 8: qui si potrà effettuare la compilazione online o ritirare una copia cartacea.


CENTRI COMUNALI DI RACCOLTA E PUNTI INFORMAZIONE A MILANO – Oltre a tutti gli Uffici postali, il questionario in forma cartacea potrà essere riconsegnato nel Centro di Raccolta stabilito dal Comune di Milano e situato in via Marsala, 8.

  • Tale Centro di Raccolta sarà aperto con i seguenti orari: 9-19 dal lunedì al venerdì e 9-12 al sabato.
  • Il Comune di Milano specifica inoltre che, diversamente da quanto previsto dall’Istat e da quanto evidenziato nel sito ufficiale dedicato al Censimento 2011, il centro di via Balsamo Crivelli 3 non è un Centro Comunale di Raccolta, né un centro di assistenza aperto al pubblico.
  • Ulteriori punti di informazione sono stati collocati in via Larga 12, ai CAM (Centri Aggregazione Multifunzionale) ed all’INFOBUS.

 

COMPILAZIONE SU INTERNET, ISTRUZIONI – La compilazione mezzo web è la modalità consigliata e, per coloro i quali presentano un’adeguata dimestichezza con il “mondo elettronico” ,è sicuramente la più agevole.

  • Per procedere con la compilazione basterà inserire nel campo “Codice Utente” il codice fiscale dell’intestatario del “Foglio di famiglia” e, nel campo “Password”, i caratteri indicati nella prima pagina del questionario cartaceo ricevuto nella propria abitazione.
  • Per accedere al questionario online basterà recarsi a questo link: https://censimentopopolazione.istat.it/questionario/secure/apriPaginaRiepilogo.action
  • Il vantaggio è indiscutibile: tale modalità non prevede il bisogno di consegna di alcun modulo cartaceo.
  • Il Comune di Milano, per coloro i quali non hanno un collegamento ad Internet, ha predisposto alcune postazioni internet nel Centro di Raccolta Comunale, situato in via Marsala 8, dove operatori vi assisteranno nella compilazione del questionario. L’importante è portare con sé il questionario cartaceo ricevuto mezzo posta.
  • L’alternativa è quella di consegnare il questionario presso un qualsiasi Ufficio postale, anche non del comune di residenza. Presso gli Uffici postali potranno essere consegnati fino a cinque questionari contemporaneamente, anche per conto di altre persone.

 

RILEVATORE COMUNALE: COME RICONOSCERLO ED EVITARE TRUFFE? – Onde evitare possibili truffe, è bene ricordare che i Rilevatori comunali entreranno in scena dal 21 novembre e saranno ben riconoscibili:

  • Ogni Rilevatore comunale sarà munito di un tesserino di riconoscimento sul quale sarà presente foto, nome e cognome del rilevatore, il Comune di appartenenza, la firma di un funzionario comunale ed il timbro del Comune.
  • Il Rilevatore dovrà esibire tale tesserino ogni volta che si presenta ad un cittadino ed, inoltre, il cittadino ha la facoltà di chiedere un documento di rinoscimento (patente, carta d’identità, ecc) al Rilevatore.

 

I TEMPI DI RESTITUZIONE – Dal 10 ottobre è possibile consegnare il questionario, compilato a mano, presso un qualsiasi Ufficio postale o nei Centri Comunali di Raccolta.

  • Nel dettaglio, sono state previste due fase di riconsegna: chi consegnerà il questionario mezzo cartaceo o lo compilerà su Internet entro il 20 novembre, non riceverà la visita dei Rilevatori incaricati dal Comune di residenza.
  • Chi non consegnerà il questionario cartaceo o non lo compilerà su Internet entro il termine del 20 novembre, se lo vedrà recapitare a casa dai Rilevatori che lo aiuteranno nella compilazione cartecea dello stesso.
  • In questo secondo caso, il termine ultimo di consegna del questionario sarà, per il Comune di Milano, il 29 febbraio 2012, avendo la nostra città una popolazione superiore ai 150mila abitanti.
  • Quest’ultimo termine è infatti legato all’ampiezza del Comune di residenza, pertanto dovranno consegnarlo entro il 31 dicembre 2011 tutti coloro che abitano in Comuni con meno di 20mila abitanti, ed entro il 31 gennaio 2012 coloro i quali abitano in Comuni compresi tra i 20 ed i 150mila abitanti.


OBBLIGO DI RISPOSTA CON SANZIONI FINO A 2.000 EURO – Come prevede l’articolo 7 del Decreto Legislativo 322/89, rispondere ai quesiti del questionario è un obbligo, anche se sono concesse deroghe per le domande che interessano dati sensibili.

  • I cittadini residenti che non compileranno e/o restituiranno il questionario, potranno essere oggetto di procedimenti di cancellazione anagrafica.
  • Inoltre, una volta verificato che il rifiuto a rispondere alle domande è stato netto e consapevole, potranno essere elevate multe che vanno da un minimo di 206 euro ad un massimo di 2.065.
  • Stesso discorso vale per tutti coloro che, volontariamente, risponderanno in modo errato alle  domande con il fine di alterare i risultati della rilevazione.

 

ATTESA PER I RISULTATI – Il 31 marzo del 2012 verranno diffusi i risultati provvisori per Province e Comuni;

  • i dati per la popolazione legale saranno disponibili entro la fine del 2012;
  • La pubblicazione dei dati definitivi, invece, è prevista per il 2014.

 

INFORMAZIONI – Ulteriori informazioni si possono avere chiamando:

  • il Numero Verde Istat 800.069.701 contattabile tutti i giorni dalle 9 alle 19
  • l’Infoline del Comune di Milano  02.02.02 (numero a pagamento), contattabile tutti i giorni 24 ore su 24.

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here