Corteo studenti Milano 11 novembre 2011, pomodori contro la Polizia e occupazione dell’Unicredit

Circa 400 tra studenti ed esponenti dei centri sociali sono partiti in corteo questa mattina alle 9.30 da largo Cairoli, per manifestare contro la crisi e le banche.

 

Il corteo era diretto al Provveditorato Scolastico di via Ripamonti; durante il tragitto, le solite tappe ormai di rito: una decina di giovani appartenenti al collettivo Lab Out ha fatto irruzione nel palazzo del Credito Italiano in piazza Cordusio, srotolando uno striscione con la scritta “Saperi e cultura contro debito e crisi”.

 

I giovani, sotto lo sguardo di clienti e responsabili, hanno occupato per alcuni minuti la filiale Unicredit distribuendo volantini e lanciando slogan al megafono.

 

In tre, con il volto coperto dalle maschere, si sono seduti alle postazioni computer e hanno estratto i libri fingendo di studiare.

 

Il gruppo e’ poi stato invitato ad uscire dagli addetti alla sicurezza e si e’ allontanato al coro “Noi tifiamo il dafault”.

 

In via Carducci la piccola novità: dopo il lancio di vernice, dei sacchi della spazzatura e delle oramai risaputissime uova, alcuni manifestanti  hanno bersagliato le forze dell’ordine gettando loro contro qualcosa di finalmente nuovo: pomodori.

 

Leggi anche:

Indignati Milano, nessuno scontro ma dopo le manifestazioni la città si riempie di graffiti e bestemmie su portoni, negozi e facciate di abitazioni private. Chi paga? Foto

Foto manifestazione studenti Milano, lancio uova, sassi, petardi, scritte spray e cestini incendiati

Foto manifestazione Milano 17 novembre 2010 No Gelmini Day

Danni manifestazione No Gelmini day, 150 mila euro tra muri imbrattati, vetrate distrutte e altro

Corteo May Day Parade 2011, oltre 50mila euro di danni tra vetrine sfasciate, imbrattamenti selvaggi, gli immancabili lanci di uova e la distribuzione di bamboline woodoo

 

di Redazione

2 COMMENTI

  1. c’era per caso il sindaco in testa anche a questo corteo? visto che partecipa ai festeggiamenti per la caduta del governo Berlusconi magari tira anche i pomodori agli agenti….

  2. Ormai siano schiavi dei nuovi (e veri) fascisti anarchici e rossi.
    Questa mafia ovviamente non viene mai perseguita seriamente dalla magistratura, e puo’ permettersi di fare quello che gli pare.
    Loro sono molto peggio delle banche, della “speculazione finanziaria” e di tutto il resto. Mi chiedo con che faccia questi protestano contro le “ingiustizie” sociali, quando loro sono l’ ingiustizia e l’ abuso (e l’ anti-socialita’) impersonificate.
    Ieri ho visto un muro di Milano imbrattato con la scritta “questo governo non ci rappresenta…”. Cioe’, io non sono d’ accordo, e quindi devasto tutto…
    Peccato che la democrazia sia stata inventata proprio per evitare questo, e cioe’ per far si che la minoranza accetti il volere della maggioranza, senza distruggere tutto.
    Quello che occorre e’ una azione seria di eliminazione di questa gentaglia . Mandiamo l’ esercito. La gente non puo’ piu’ tollerare di essere presa a pesci in faccia da questi neo-fascisti. E poi tutti quelli che occupano edifici altrui (leoncavallo, Cantiere, Cox, Fornace, Boccaccio, ecc.) devono essere sbattuti fuori ed arrestati. MA SUBITO. E SPEDITI AI LAVORI FORZATI IN AFGANISTAN, SENZA POSSIBILITA’ DI RITORNO.
    BIsogna reagire. Questi fanno i prepotenti fino a che non venvono trattati come meritano. Se no continuano, come la mafia. Ed inotre la magistratura dovrebbe perseguire tutti i politici (da Vendola a Pisapia, a tanti del PD) che sono collusi con questi criminali. Basti pensare che il responsabile del SEL della provincia di Milano e’ Daniele Farina, portavoce del Leonkavallo. Gente che rivendica le occupazioni abusive, cioe’ veri e propri reati. LADRI SCHIFOSI .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here