Corteo studenti Milano 17 novembre 2011, terza giornata “della collera”

E’ partito stamattina da largo Cairoli il nuovo corteo di studenti e centri sociali in protesta contro la crisi, le banche e il nuovo Governo Monti.

 

La manifestazione si è svolta ad anello facendo ritorno nel centro storico della città, dove sono state bloccate le strade rese già di per sé particolarmente congestionate a causa dello sciopero dei mezzi pubblici.

 

Momenti di tensione sono scoppiati da subito, fin dall’inizio del corteo, a causa di una rissa scoppiata tra due gruppi di manifestanti appartenenti ai centri sociali “Corsari” e “Cantiere”: sono volati pugni e calci nonché fumogeni accesi scagliati ad altezza d’uomo, coinvolgendo così molti dei ragazzi presenti. Un giovane è stato ferito al volto.

 

Durante il percorso non sono poi mancati i soliti lanci di uova e vernice contro le banche. I fumogeni sono stati invece protagonisti soprattutto in via Carducci, dove ha luogo la sede distaccata dell’Università Cattolica, puntualmente bersagliata da lanci (anche nel cortile dell’ateneo), e slogan.

 

Gli scontri con la Polizia, invece, si sono verificati all’angolo tra corso Italia e via Molino delle Armi: un gruppo di studenti con scudi di plastica e caschi in testa ha avanzato nel tentativo di raggiungere l’Universita’ Bocconi, nonostante l’accesso alla via fosse non autorizzato e chiuso da uno schieramento delle forze dell’ordine.

 

Leggi anche :

Governo Monti, chi è il Mario Monti e chi è la sua squadra, conosciamoli

Spread cos’è? BTP bund cosa sono? Garanzie conti sui correnti, dati e analisi

Indignati Milano, nessuno scontro ma dopo le manifestazioni la città si riempie di graffiti e bestemmie su portoni, negozi e facciate di abitazioni private. Chi paga? Foto


Di Redazione

1 COMMENTO

  1. In tutti gli articoli si parla di vernice contro le banche. I graffiti sono stati fatti su tutti gli edifici (pubblici e privati) in tutte le vie coinvolte dalla manifestazione. Chi paga? il comune pare inesistente? non c è mai nessun intervento della giunta in proposito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here