Arresto titolare Eureco Paderno, erano morti 4 dipendenti in un incendio

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal GIP del Tribunale di Milano.

 

I fatti risalgono al 4 novembre 2010, quando scoppiò un incendio presso l’impianto di smaltimento rifiuti Eureco, a Paderno Dugnano (Mi).

 

A seguito del fatto, morirono purtroppo tragicamente quattro operai ed altri tre rimasero gravemente ustionati.

 

Le indagini vennero svolte dai militari del Comando Carabinieri Tutela Ambiente e della Compagnia di Desio, sotto il coordinamento della Procura Distrettuale Antimafia di Milano e della Procura di Monza.

 

Secondo quanto emerso dall’inchiesta, l’incendio si sviluppò a causa delle miscelazioni non autorizzate cui l’arrestato sottoponeva i rifiuti pericolosi (setacci molecolari), che venivano manipolati dagli operai in violazione della normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

 

I Carabinieri del Noe di Milano e della compagnia di Desio hanno quindi tratto in arresto il titolare della società.

 

I reati contestatigli sono:

  • omicidio colposo,
  • traffico illecito di rifiuti,
  • violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

 

Leggi anche:

Morto operaio Eureco Paderno, è il quarto tragico decesso legato all’incendio della fabbrica

Morto Salvatore Catalano, operaio Eureco Paderno ricoverato a Niguarda dallo scorso novembre

Incendio Eureco Paderno Dugnano, blocco Milano Meda, elicotteri, 7 operai feriti


di Redazione

1 COMMENTO

  1. ecco adesso anzichè rischiare di morire sono tutti certi di non avere un lavoro.

    possibile che la giustizia italiana sia così ottusa?! non potevano obbligarlo a mettersi in regola anzichè arrestarlo? non sarebbe stato più produttivo!??!

    e i sindacati immagino saranno orgogliosi del risultato……

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here