Approvato il Pgt con 28 voti favorevoli e 20 contrari

PGT_MilanoApprovato nella notte di martedì 13 luglio il nuovo Pgt presentato dall’assessore allo Sviluppo del Territorio Carlo Masseroli.

 

Dopo sette mesi di approfondito e intenso dibattito in Consiglio comunale, con la discussione di 1.419 emendamenti di cui 157 approvati, il Piano di Governo del Territorio ha visto la sua adozione con 28 voti favorevoli e 20 voti contrari.

 

“Con 28 voti a favore e 20 contrari, il Consiglio comunale ha approvato il Piano di Governo del Territorio al termine della 55ª  seduta sul tema, iniziata alle 15 di martedì e terminata alle 4 di mercoledì, per un totale di 13 ore. Mai nessuna delibera ha richiesto così tante riunioni per essere licenziata, e l’impegno dell’Aula è stato rilevante non solo dal punto di vista quantitativo. Nessuno può dire che non siano state create le condizioni per arrivare al traguardo, così come per ricevere tutti i possibili contributi dai consiglieri”.

Lo ha comunicato il Presidente del Consiglio comunale Manfredi Palmeri, che ha aggiunto:

 

“Abbiamo lavorato 7 mesi, migliorando uno strumento da utilizzare al meglio per il disegno dei prossimi 20 anni di Milano. Il Pgt è un provvedimento storico per il futuro della città, nostro e dei nostri figli, su cui c’è stata molta dedizione e grande responsabilità”.

 

“L’iniziale provvedimento della Giunta è stato modificato in 157 punti – ha spiegato Palmeri – 23 dei quali scritti e approvati congiuntamente dai diversi Gruppi. Il confronto tra maggioranza e opposizione è stato non solo opportuno ma necessario, in un percorso di coinvolgimento comune nell’interesse del nostro territorio: Milano se lo aspettava e lo meritava, ed è proprio a Milano che adesso torna la parola prima che il Consiglio, tra circa 8 mesi, si esprima sull’approvazione definitiva”.

 

“Dal 15 dicembre 2009, prima seduta sul tema, il Consiglio ha dedicato al Pgt 162 ore e 14 minuti – ha chiarito il Presidente Palmeri – un’imponente mole di attività corrispondente a una settimana ininterrotta di lavoro. Il record di durata, pari a 15 ore consecutive, è stato registrato il 5 luglio scorso. In totale, l’Aula si è riunita 33 volte in prima convocazione (quorum di 31 consiglieri) e 22 in seconda (quorum di 20) e il numero legale è caduto in 25 sedute. Ci sono state 2 sedute dedicate all’illustrazione della delibera, 2 al dibattito, 51 all’esame degli emendamenti e sono state effettuate complessivamente 455 votazioni, con una media di presenza del 65%

Dei 1.395 (più 24 successivi) emendamenti presentati, 157 sono stati approvati, 159 respinti, 838 ritirati, 20 trasformati in odg, 33 decaduti, 212 accorpati: 811 riguardavano il Documento di Piano, 335 il Piano dei Servizi, 244 il Piano delle Regole, 5 il testo della delibera”.

 

“Sottolineo che non è vero che dallo scorso dicembre il Consiglio si sia occupato solo di Pgt – ha specificato Palmeri – perché abbiamo trattato ben 25 altre delibere più il Bilancio preventivo 2010, e l’immediata calendarizzazione di altri 10 provvedimenti per la prossima settimana ci consentirà di continuare a non avere arretrati di lavoro”.

 

Per visionare e simulare alcuni scenari del futuro di Milano resi possibili dal nuovo Piano di Governo Territoriale, www.milanoperscelta.it

Per vedere il progetto dello sviluppo delle infrastrutture, CLICCA QUI

Per vedere il progetto di incremento del verde cittadino, con 27 nouvi parchi e una superficie di verde totale che sarà pari a 120 volte il Parco Sempione, CLICCA QUI

 
 Di Redazione
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here