Condanna Italtel reintegro 237 lavoratori in cassa integrazione nella sede di Castelletto (Mi)

SentenzaIl Tribunale di Milano ha condannato la Italtel per comportamento antisindacale e ha ordinato all’azienda di reintegrare i 237 lavoratori in cassa integrazione straordinaria della sede di Castelletto, nel milanese.

 

Il giudice, accogliendo il 14 luglio un ricorso presentato da Fim Cisl e Fiom Cgil, ha ritenuto illegittime le modalità utilizzate per il ricorso all’ammortizzatore sociale.

 

Ne dà notizia la Fim Cisl. “I problemi in Italtel permangono – spiega Andrea Bellisai, segretario generale della Fim Cisl di Milano – e vanno affrontati con responsabilità da tutte le parti, azienda e governo in primis. La sentenza del Tribunale di Milano è un importante risultato, sia per i lavoratori che vengono reintegrati dalla sospensione illegittima in cigs, sia perché si riafferma un ruolo del sindacato come soggetto attivo e non come semplice notaio delle scelte aziendali”.

 

Di Redazione
 
 
 
 
 

1 COMMENTO

  1. Precisiamo bene: la sospensione illegittima riguarda la mancata notifica ai sindacati dei criteri di scelta dei dipendenti da porre in CIGS. Sono una dipendente Italtel e la causa intentata è una scelta scriteriata dei sindacati che pongono così di nuovo in difficoltà 2000 dipendenti e non sono 400 (237 a milano ed il resto fra roma e palermo). Se i soldi non ci sono, non ci sono. Se la produttività è quella di una azienda da poco più di 1000 dipendenti direi che richiedere la cigs per “sole” 400 unità è una scelta molto più che onesta e “sociale”. Ci sono ben più di 400 persone che semplicemente scaldano la sedia e si portano a casa uno stipendio non meritato. Intanto gli specialisti se ne sono andati o se ne stanno andando e restano in azienda solo i “vecchi dipendenti di fabbrica”. E’ possibile che l’età media sia ben oltre i 55 anni?? VERGOGNA AI SINDACATI! Permettere il parassitismo a scapito di chi lavora seriamente dovrebbe essere reato!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here