Arresto dipendenti Malpensa, permettevano il passaggio di quintali di droga

L’operazione è stata svolta all’interno dello scalo aeroportuale di Malpensa.

 

L’OPERAZIONE DELLA GDF – Secondo quanto comunicato, i finanzieri del nucleo Polizia tributaria Torino, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Torino, hanno individuato e sequestrato beni e valori per oltre 1 milione di euro.

– Le indagini effettuate hanno permesso di individuare e sequestrare beni e valori per oltre 1 milione di euro.

– Il tutto è stato accumulato da quattro addetti allo scalo di Malpensa, fiancheggiatori di un’organizzazione di narcotrafficanti i quali, all’insaputa dei rispettivi datori di lavoro, garantivano l’uscita della cocaina dall’aeroporto milanese.

 

I SOGETTI ARRESTATI – Si tratta, nel dettaglio, di:

– R.M. (54 anni), dipendente di una compagnia aerea;

– B.R. (47 anni), dipendente di una società di catering;

– A.R. (48 anni); dipendente di un corriere espresso;

– M.F. (47 anni), dipendente di un corriere espresso;

– tutti i soggetti sono risultati senza precedenti penali.

 

IL GIRO DELLA DROGA – I finanzieri hanno accertato che lo stupefacente proveniva da Santo Domingo e arrivava a Malpensa in pacchi da 20-30 chilogrammi, stipata all’interno di una stiva di servizio degli aeroplani.

– Uno degli indagati, responsabile delle operazioni sotto-bordo per conto di una compagnia aerea, all’arrivo dei voli ritirava personalmente i pacchi e, grazie al suo ruolo, riusciva a consegnarli agli altri complici, eludendo i normali controlli.

 

LA DINAMICA SPIEGATA DALLE FIAMME GIALLE – “Il meccanismo era ben collaudato – hanno spiegato le Fiamme Gialle, – poiché la libertà di movimento negli spazi aeroportuali, dove ogni giorno lavorano oltre diecimila addetti, atterrano e decollano in media duecento aerei, ha consentito loro di mettere a segno, in meno di un anno, una dozzina di operazioni, per complessivi 260 chili di cocaina purissima.

– “L’organizzazione pagava 6.000 euro per ogni chilo che passava.

– “I quattro sono arrivati così a guadagnare fino a venti volte lo stipendio percepito come normali lavoratori dipendenti, per un totale di 1.560.000 euro”.

 

 

 

Leggi anche:

Rapina sexy shop Milano via Napo Torriani per vendetta

Furti Rinascente Milano, arrestati dipendenti, dettagli

Arresto dipendenti centro commerciale Auchan di Rescaldina, sono tre italiani e un romeno

Arrestato direttore supermercato San Vittore Olona, permetteva a 2 complici di rubare la merce

Arresto spacciatore Malpensa, torna la coca nei manici della valigia, arrestato cuoco italiano

Cocaina Malpensa nascosta nei manici delle valigie, arrestato studente dominicano 21enne con 11 chili di neve

Scarpe imbottite di coca a Malpensa, quasi 2 chili di polvere bianca nei plantari e 43 ovuli ingeriti per un cittadino del Benin

Arrestata mamma cocaina stazione Greco, nascondeva la droga tra pannolini e biberon

Arrestate malpensa con reggiseno imbottito di droga

Arrestata a Malpensa con 3 chili di coca in valigia, aveva detto “Nulla da dichiarare”


di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here