Condanna racket delle case popolari

GiustiziaL’inchiesta, coordinata dal PM Antonio Sangermano, era nata nell’agosto 2009 a seguito della pubblicazione, sul sito dell’associazione “Sos racket e usura”, di un video in cui si vedeva una donna mentre trattava con un sedicente cliente l’acquisto di una casa popolare occupata abusivamente a Niguarda.

IL BUSINESS – Da quanto emerso, le donne si facevano pagare dagli 800 ai 1.500 euro al mese per aprire e far occupare gli appartamenti Aler.

LA SENTENZA – Il GUP Andrea Ghinetti ha pertanto condannato per associazione per delinquere finalizzata all’occupazione abusiva di appartamenti la donna alla quale ha comminato 3 anni e 4 mesi di reclusione, e la figlia , che ne dovrà scontarne invece 2. Precedentemente assolto il genero della donna, per insufficienza di prove.

MOMENTI DI TENSIONE – Forte la reazione della donna nei confronti di Frediano Manzi, presidente dell’associazione Sos Racket e Usura; al termine della sentenza la donna gli si sarebbe quasi scagliata contro urlando e incolpandolo di averle “rovinato la vita”. Intervenuti gli agenti, la donna è stata ricondotta in cella.

IL COMUNE COSTITUITOSI PARTE CIVILE – Soddisfazione per il Comune di Milano, che si era costituito parte civile nella vicenda. L’ente istituzionale ha ottenuto una provvisionale di 100 mila euro.

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here