Ucciso a Lissone con calci e pugni

Aggressione (archivio)E’ accaduto stanotte a Lissone (MB), all’altezza della Strada Statale 36.

 

Una serata tranquilla come tante altre, durante la quale il 33enne Luigi P., incensurato, operaio, residente a Desio, si trovava presso un chiosco con un conoscente, a mangiare un panino.

 

Da quanto ricostruito dai Carabinieri, la lite sarebbe scaturita quando il ragazzo, seduto su una panchina, si sarebbe rivolto a due avventori, entrambi italiani, domandando loro se potessero offrirgli una birra.

 

Dopo una discussione, infatti, i 3 si sarebbero leggermente allontanati dal chiosco e, i due italiani, hanno aggredito Luigi P. colpendolo prima con un pugno che lo ha fatto cadere a terra, poi con un calcio.

 

Dopodiché, i due avrebbero voltato le spalle andandosene in tutta normalità.

 

Dietro di loro, tuttavia, la tragedia: pare che proprio cadendo a terra il 33enne avrebbe rimediato un violentissimo colpo alla testa; sopraggiunto immediatamente il personale del 118 il giovane è stato trasportato con massima emergenza all’ospedale di Desio ma, dopo pochi minuti, ha perso tragicamente la vita.

 

I Carabinieri stanno effettuando approfondite indagini per trovare i responsabili della tragica aggressione.


Leggi anche:

Sfrattata distrugge ufficio Aler e 11 auto

Maestra picchiata per rimprovero ad alunna, ‘Puttana, ti ammazziamo’ le hanno gridato la mamma e la nonna della ragazzina

Accoltellato il gestore di un bar per il servizio di scarsa qualità

Strappati a morsi labbro e sopracciglio a Melegnano

Via Padova, minorenni ecuadoriani aggrediscono con calci, pugni e bottiglie il dipendente e il gestore di un kebab: non gli hanno servito alcolici

Di Redazione
 
 
 
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here